Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Voucher, il governo cambia rotta. Accordo sui vitalizi

Logo First Online First Online 5 giorni fa FIRSTonline

FIRSTonline © Fornito da Al Iniziative editoriali FIRSTonline

Il governo cambia rotta sui voucher. Il vicepremier e ministro dello Sviluppo Luigi Di Maio ha aperto alle richieste della Lega per una revisione del Decreto Dignità che reintroducesse i voucher, i buoni per pagare i lavoratori a ore, cancellati dal governo Gentiloni (per annullare il referendum promosso dalla Cgil) e considerati dai Cinque Stelle come il peggiore dei mali in campagna elettorale.

“Se i voucher possono servire a settori come l’agricoltura e il turismo,allora ben vengano. L’unica cosa che chiedo è di evitare abusi”. Con queste parole Luigi Di Maio ha aperto le porte alle modifiche che interesseranno per l’appunto agricoltura e turismo ma che potrebbero essere estese anche a colf e badanti e forse anche a giardinaggio e servizi di pulizia. L’apertura sui voucher era stata chiesta dalla Lega che aveva ricevuto pressioni dal suo elettorato e, in particolare, dalle aziende del mondo agricolo, dagli albergatori del Nord in piena stagione turistica e già allarmati dalle nuove norme restrittive sui contratti a termine, e più in generale dalle piccole e medie imprese commerciali e artigiane.

L’intesa raggiunta sui voucher prevede che i buoni non siano acquistati dal tabaccaio ma su una piattaforma elettronica. Il loro utilizzo andrà comunicato preventivamente per evitare che il medesimo ticket possa essere impiegato per più ore di lavoro o per più persone. Sarà inoltre mantenuta la tracciabilità introdotta due anni fa con le prime modifiche apportate.

L’accordo sui voucher, caro alla Lega, ha aperto le porte, per contrappeso, all’altra richiesta fortemente voluta dai pentastellati: la cancellazione dei vecchi vitalizi ai parlamentari. “Il taglio dei vitalizi? Prima si fa e meglio è”: con queste parole, l’altro vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha dato il via libera da parte legjhista.

Le novità sui voucher saranno introdotte nel Decreto Dignità che ha ottenuto mercoledì sera la bollinatura della Ragioneria dello Stato, ovvero la verifica sulle coperture finanziarie. La pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale è attesa per oggi poi il decreto affronterà il percorso per la conversione partendo dalla Camera. Lì saranno introdotte le modifiche poi lì’intento sarebbe di blindare il testo e farlo approvare senza cambiamenti al Senato.

Un capitolo a parte merita la vicenda delle scommesse. Dal punto di vista delle coperture finanziarie, infatti, il problema maggiore era rappresentato dallo stop alla pubblicità. La soluzione trovata prevede che il mancato introito Iva per lo Stato venga compensato da un parallelo aumento del Preu, la tassazione a carico delle aziende del settore, che scatterebbe a partire dal 1° maggio 2019.

ALTRO SU MSN:

Voucher e vitalizi, scambio M5S-Lega (Mediaset)

Riproduci nuovamente video


Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da FIRST online

image beaconimage beaconimage beacon