Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Autogrill porta il robot al ristorante

Logo Italia Oggi Italia Oggi 08/10/2017 Francesca Sottilaro
Autogrill porta il robot al ristorante © ItaliaOggi Autogrill porta il robot al ristorante

Autogrill porta un robot al ristorante per raccontare ingredienti innovativi, giuste porzioni e interagire con i clienti. Il progetto è partito come test pilota negli aeroporti degli Stati Uniti, cuore del business del gruppo della famiglia Benetton. È Oltreoceano, attraverso la controllata Hms Host Corporation, con punti vendita in mall e hub, che Autogrill realizza oltre il 60% dei profitti. Sempre negli Usa, a New York, ha scelto di sponsorizzare il «Tech Fest» del magazine The New Yorker, festeggiando i 40 anni della sua storia. Dal primo grill Pavesi sulla Milano-Torino al robot «Pepper» (tradotto, pepe) portato con SoftBank Robotics all'aeroporto di Oakland, capofila del test.
Era Pepper, fra gli altri, a dare il benvenuto ieri agli ospiti dell'evento hi-tech nell'ex area industriale Cedar Lake, a due passi dalla High line di New York.
«L'innovazione tecnologica rappresenta per Autogrill una eccezionale opportunità per conoscere meglio il cliente e per migliorare la relazione personalizzando la sua "food experience'' in base ai suoi gusti e alle sue esigenze alimentari», spiega il ceo di Autogrill, Gianmario Tondato Da Ruos (nella foto).
Sul fronte prodotto, alimentazione innovativa per Autogrill vuol dire «attenzione alla salute con l'uso di ingredienti nuovi e formati alternativi, rinnovando l'offerta per migliorare l'intera esperienza del cibo del viaggiatore», aggiunge Tondato Da Ruos.
Sul fronte dei mezzi per veicolare le informazioni Autogrill ha ribadito che sta continuando a lavorare per introdurre strumenti digitali sofisticati, tra cui l'applicazione mobile «Host2Coast», per orientarsi nella scelta food all'interno degli aeroporti serviti dal gruppo, e il programma del robot umanoide che potrebbe fare il suo debutto nella Penisola dove è già ospitato nell'Innovation center di Intesa Sanpaolo, a Torino.
«È vitale riuscire a combinare le opportunità offerte dall'innovazione tecnologica e le sue sfide», afferma dal palco. «Leggendo le nuove tendenze demografiche e i cambiamenti nel comportamento dei clienti saremo in grado di concepire, creare e offrire prodotti e servizi in linea con le esigenze di un consumatore digitale e informato».
A cambiare «è la percezione del cibo, perché interessano le modalità in cui viene coltivato e processato, e quanto unisca tradizione, sostenibilità e innovazione oggi sono i temi che interessano i viaggiatori», raccontano dal panel dedicato al food, presente anche Steve Johnson, ceo di HmsHost. «Stiamo progettando un gruppo globale capace di unire la sostenibilità, tradizione e l'innovazione per il cibo in movimento», ribadisce Tondato Da Ruos, «la vita stessa è un viaggio e quello del nostro gruppo, nato 40 anni fa, non è ancora finito».
Nel corso dell'evento Autogrill ha creato il «New YorkerTechFest Central», una tasting experience che ha unito sostenibilità e tradizione. Giovedì Gilberto Benetton, presidente del gruppo, ha invece ricevuto nella Grande Mela il Gei Award, un premio dedicato agli italiani che hanno contribuito al miglioramento dell'immagine e del prestigio dell'Italia nel mondo.

ALTRO SU MSN:

Robot si parlano, l'uomo trema? (Huffpost)


Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Italia Oggi

image beaconimage beaconimage beacon