Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Come ricaricare la batteria dello smartphone

Logo Notizie.it Notizie.it 14/01/2018 Daniele Orlandi

Tutti ricarichiamo quotidianamente la batteria del nostro smartphone, talvolta anche più volte al giorno dato l’ampio utilizzo di questi dispositivi che accompagnano le nostre giornate. Ma non sono in molti a sapere come farlo correttamente così da mantenere la batteria in ‘buona salute’ e fare in modo che duri a lungo.

Come ricaricare la batteria dello smartphone

Certe abitudini infatti portano ad accelerarne la morte, pratiche scorrette alle quali non sempre pensiamo ma che andrebbero tenute in considerazione. Per esempio, quanti ricaricano il telefonino durante la notte? oppure lo fanno scaricare completamente prima di ricaricarlo, o ancora lo ricaricano al 100%? Si tratta di pratiche molto comuni che, di fatto, possono accorciare ampiamente la vita media di una batteria. Di recente si è ampiamente discusso di questo tema in seguito alle rivelazioni di Apple, che ha ammesso di aver rallentato, con batterie deteriorate, gli iPhone, così da evitare che gli smartphone si spegnessero improvvisamente; ne è nata un’accesa protesta dei consumatori con una fitta serie di azioni legali, che hanno portato l’azienda a porgere le sue scuse.

ricarica smartphone © twitter Ricarica smartphone

Come aumentare la vita della batteria

Per riuscire a ritardare la sostituzione della batteria di uno smartphone, vi sono specifici livelli di carica entro i quali bisogna rimanere per non deteriorarla. Il metodo migliore, a dispetto di quanto si possa pensare, è quello di ricaricare il telefonino un po’ alla volte, tutte le volte che se ne ha la possibilità nell’arco della giornata. Secondo Battery University infatti le ricariche parziali non provocano danni, così come evitare di far scaricare completammente il telefonino prima di collegarlo all’alimentatore. Si tratta delle cosidette scariche profonde, che portano a lasciare una piccolissima percentuale di autonomia della batteria, un metodo che porta a consumarle e deteriorarle più rapidamente. Se mantenute sempre tra il 65 ed il 75% della loro autonomia complessiva, le batterie agli ioni di litio avrebbero infatti una vita media più lunga, secondo Battery University.

Quali alternative per la ricarica?

Non sempre è possibile farlo, ecco allora che vi sono delle possibili alternative. Se non è possibile rimanere nel range 65-75, è positivo anche mantenersi tra il 45 ed il 75% del livello di ricarica, considerato il secondo miglior intervallo di carica per le batterie degli smartphone. Ecco allora che abituandosi a collegare il proprio telefonino in determinati momenti della giornata, potrebbe essere possibile rimanere costantemente entro questi livelli. Una terza alternativa è quella di rimanere tra il 25 ed il 75%, il range consigliato per non causare danni a lungo termine. Certo è che accorciare la batteria di uno smartphone da basi livelli (sotto il 25%) fino al 100% ne ridurrà sensibilmente la durata nel tempo.

Niente 100% per le batterie agli ioni di litio?

A quanto pare, portare una batteria agli ioni di litio al 100% di ricarica è sempre sbagliato in quanto questo tipo di batterie non hanno bisogno di essere caricate completamente. Questo perché una tensione elevata sollecita la batteria con il risultato di consumarla sempre di più. Altro consiglio dunque è evitare di ricaricare il telefono durante la notte, poichè risulta difficile ‘fermare’ la ricarica prima che arrivi al 100% e scollegare il telefonino.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Notizie.it

image beaconimage beaconimage beacon