Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Morgan e Bugo, boom di meme per il testo modificato di "Sincero". Da Sanremo fino a San Valentino

Logo La Repubblica La Repubblica 2 giorni fa di TIZIANO TONIUTTI
© Fornito da La Repubblica

"Le brutte intenzioni, la maleducazione, la tua brutta figura di ieri sera, la tua ingratitudine, la tua arroganza, fai ciò che vuoi mettendo i piedi in testa. Ma tu sai solo coltivare invidia, ringrazia il cielo sei su questo palco, rispetta chi ti ci ha portato dentro: questo sono io". Parole che sono già, inevitabilmente, più note al pubblico di quelle originali. Parliamo del testo del brano "Sincero" presentato a Sanremo da Bugo e Morgan, e pietra dello scandalo finale che ha portato i due all'eliminazione. 

 

Morgan ha sostituito in corsa il testo originale con le parole qui sopra, riferite al collega e partner nel concorso, che per tutta risposta ha abbandonato il palco. E sarebbe inutile fare finta di nulla, è questa versione di "Sincero" che trolla Bugo la canzone vincitrice morale del 70esimo Sanremo, con buona pace di Diodato che però porta a casa i premi veri.Ma la performance al limite del situazionismo - prima la valanga di accuse, e poi il candido "Dov'è Bugo?" - ha consegnato questo momento del Festival alla memoria del Paese e anche alla gloria imperitura dell'Internet. La seduzione esercitata dalle alternative lyrics scritte da Marco Castoldi su un tablet prima di entrare in scena ha prodotto decine di meme spesso geniali, affidati ai social e quindi condivisi e ricondivisi migliaia di volte. Un'onda web lunghissima, che è arrivata ad estendersi da Sanremo fino a San Valentino, una settimana dopo il colpo di scena. Ed ecco quindi i fake dei bigliettini dei Baci Perugina con sopra i versi immortali, con cui Morgan a questo punto potrebbe comprarsi una villa, se fossero depositati alla Siae. Nel flusso inarrestabile c'è il prevedibile profluvio di immagini ritoccate, dalla confezione delle Macine del Mulino Bianco (bellissima) con il nuovo testo, un Morgan-Cicerone che lo declama in latino a un Bugo che abbandona il palco, Beatrice che ispira Dante su WhatsApp a citare Castoldi. E così sul web parte la #morganbugochallenge, una sfida a colpi di meme che ha prodotto risultati mirabili e raggiunto vette altissime di partecipazione.Video, montaggi, disegni, c'è di tutto per accompagnare la sorprendente scena sanremese nell'olimpo del web. C'è la regina Elisabetta che guarda torva Meghan mentre le dice "Ringrazia il cielo sei su questo palco, rispetta chi ti ci ha portato dentro", c'è l'epocale interpetazione della scena de "Il tempo delle Mele" in cui un ragazzo mette le cuffiette del walkman sulle orecchie di Sophie Marceau. Solo che stavolta anziché la marpionissima melodia di "Reality", parte un synthone anni 80 e lo sferzante j'accuse di Morgan al povero Bugo. Ma Sophie non abbandona il palco, anzi lascia che l'incantesimo del pirata Castoldi le trafigga il cuore, come è inevitabile che accada.E poi ancora i Thegiornalisti che rigirano l'arringa a Tommaso Paradiso, e una gustosa vignetta di Mario Natangelo in cui Conte sussurra i versi a Renzi. Insomma un'infiorata di omaggi chiaramente molto sentiti in varie forme multimediali, che se fossero stati fiori veri lanciati sul palco dell'Ariston, avrebbero consegnato i due alla Storia del Festival e a quella della musica pop italiana. L'internet ha amato profondamente il gesto di Morgan e la resilienza di Bugo e lo ha dimostrato senza paura.Certo in un mondo ideale, Bugo avrebbe risposto a Morgan direttamente sul palco invece di andare via, o in subordine, Morgan avrebbe potuto completare il testo alternativo e pubblicare una sua versione (qualcuno già l'ha fatto, la band punk melodica "Gli Atleti" su Youtube). Ma per quest'ultima eventualità c'è sempre tempo, tanto la sua firma sul pezzo già c'è - a quanto si apprende era una delle pregiudiziali per andare a Sanremo con Bugo - e potrebbe anche rilasciarla a beneficio pure dell'ex partner sanremese, del resto i sedicesimi dei diritti d'autore sono secondari rispetto all'arte. Ecco, una versione integrale di "Sincero" in chiave Morgan la ascolteremmo volentieri. E tutta l'internet, è evidente, non vede l'ora.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon