Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Nokia 8 Sirocco, la pulizia di Android One su uno smartphone 'quasi' top

Logo ITespresso ITespresso 12/07/2018 Mario De Ascentiis

© Mario De Ascentiis, ITespresso.it

Con lo smartphone Nokia 8 Sirocco, HMD Global decide di puntare al mercato di fascia alta, proponendo un modello con tante caratteristiche interessanti, degne effettivamente di un top di gamma, ma alo stesso tempo anche con qualche limite non del tutto convincente. 

Nokia 8 Sirocco, la descrizione

Nokia 8 Sirocco si presenta con un form factor classico 18:9 senza notch. Estruso da un unico blocco di acciaio Inox, resistente secondo le specifiche IP67, lo smartphone mette in mostra un elegante profilo lucido su cui sono incastonati i tasti del controllo volume e di accensione. Qui il primo limite ergonomico.

Non essendoci alcun dislivello tra la scocca e i tasti, bisogna un po’ andarseli a cercare, e al buio l’operazione risulta ancora più scomoda. La parte posteriore nero lucido non trattiene molto le impronte e questo ci ha soddisfatto. Nella confezione inoltre si trova una cover per lo smartphone, è decisamente troppo rigida, facile da applicare, ma molto difficile da togliere, si poteva fare decisamente meglio, e il rischio di romperla per toglierla c’è, servirà quasi di sicuro un attrezzo.

Finiamo di percorrere lo smartphone e troviamo nella parte bassa a sinistra il cassettino per la nanoSIM, sul profilo inferiore l’interfaccia USB Type C 3.0, microfono e doppio altoparlante, ma non stereo. Sul dorso invece doppia fotocamera, in rilievo, con ottiche Zeiss, illuminatore a led e lettore di impronte digitali subito sotto. Comodo e funzionale.

Nokia 8 Sirocco non ha paura di mettere in mostra una bella banda di plastica sempre sul bordo superiore, per una perfetta ricezione del segnale radio.  Sono ben  tre i microfoni che assicurano la riduzione del rumore e una buona esperienza audio per il vostro interlocutore, ma oltre a questo effettivamente anche le registrazioni sul campo daranno la giusta soddisfazione. Prima di curiosare tra le specifiche tecniche un primo sguardo al display da 5,5 pollici, protetto con vetro Corning Gorilla 5. quindi una scelta quasi classica nel formato e nella diagonale. Comunque molto elegante, anche se non del tutto pratica.

Nokia 8 Sirocco, le specifiche

Pur con un prezzo abbastanza importante, di 799 euro, Nokia 8 Sirocco evidenzia luci e ombre nella sua configurazione e nelle sue specifiche tecniche.

Le misure di 14,0x 7,2x 0,75 cm evidenziano la forma affusolata, ma al’accensione il display da 5,5 pollici con risoluzione QHD e tecnologia pOLED (Plastic Oled, più economica rispetto ai pannelli Amoled), si fa notare per una decisa curvatura ai bordi in questo caso non ben ingegnerizzata, perché in quella zona si noteranno, soprattutto con le pagine bianche dei contorni più scuri, antiestetici.

La reattività del touchscreen è invece molto buona, anche se in qualche caso abbiamo notato delle imprecisioni, soprattutto con le mani sudate, ne parliamo perché le consideriamo attribuibili al pannello, su altri modelli ininfluenti.

Tra le altre primissime impressioni la tendenza a scaldarsi un poco nella zona posteriore in alto a sinistra dove pensiamo sia posizionata la cpu. Si tratta di un processore oramai collaudato e di circa un anno fa: Snapdragon 835, un octa-core efficiente ma anche più avido di risorse rispetto alla proposta successiva.

E’ ben coadiuvato da 6 Gbyte di Ram, il giusto quantitativo per la proposta, mentre lo storage è di 128 Gbyte, senza possibilità di espansione ulteriore. Ci sta. 

Arriviamo al comparto multimediale che palesa una fotocamera frontale da 5 MP, mentre la doppia posteriore è strutturata in modo da garantire le riprese grandangolari con un sensore da 12 MP e quelle tele con un sensore da 13 MP. In questo secondo obiettivo l’apertura focale massima è f2.6 mentre per la grandangolare un discreto f1.7.

Nokia 8 Sirocco arriva con tutti i sensori che ci si attende quindi anche la bussola digitale, e il barometro, manca invece la radio FM, non è una scelta insolita sui modelli di fascia alta. Per l’alimentazione dello smartphone nella confezione si trova il caricabatterie rapido, è supportata anche la ricarica senza fili.

L’accumulatore da 3260 mAh non permette di andare oltre la giornata di lavoro, ma non ci sentiamo di parlare di scarsa autonomia. Bene il comparto radio nel complesso con il modem LTE Cat12, Wifi ac, supporto per Bluetooth 5.0 e ovviamente NFC. Completa per supporto ai diversi standard la copertura di ricezione dei segnali GPS.

Nokia 8 Sirocco, l’esperienza

Ecco in che cosa Nokia 8 Sirocco effettivamente si distingue. E’ molto buona la ricezione del segnale e la pulizia audio nel complesso sia in registrazione, sia in riproduzione, sia in trasmissione. Gli altoparlanti pur non stereo sono decisamente importanti per una buona esperienza anche senza le cuffie.

Non abbiamo nulla da ridire sulla rinuncia al mini jack (e poi la confezione contiene l’adattatore), invece siamo rimasti delusi dalle note sull’ergonomia non proprio impeccabile per i limiti evidenziati (tasti, bordi display, calore, cover). Bene, molto bene l’esperienza fotografica con la tecnologia Zeiss. Fluido lo zoom 10X, molto bene le riprese macro, per nulla bene le riprese ad alti ISO. A 3200 ISO la fotocamera sgrana in modo sensibile utilizzando lo zoom.

Il software, ben fatto e curato, mette a disposizione una modalità Pro, a nostro abbastanza completa, che lascia gestire ISO, bilanciamento del bianco, tempi, correzione dell’esposizione, unica nota poiché i parametri si scelgono da una rotella che compare a destra nello schermo, con i tempi (4 sec/1/500) si deve stare abbastanza attenti. Nel complesso foto molto buone, molto bene la reattività della messa a fuoco, buon effetto Bokeh (evidenziato con un selettore ad hoc), allo stesso tempo nessun effetto wow.  

Piace e tanto, invece, la scelta software di Android One. Si ritrova preinstallato solo e assolutamente quello che serve, senza alcuna personalizzazione, senza alcuna scelta arbitraria. Tutto pulito e semplice con due anni di aggiornamenti di Android One garantiti, mentre si sfrutta Android Oreo 8.1.

Se ne ricava la maggior fluidità possibile e una certa pulizia. Sottolineiamo in modo marcato come questa possa davvero rappresentare un’ottima scelta. Non si perde tempo con applicazioni ‘proprietarie’ come quelle per la posta ma si ha subito la migliore esperienza che è quella offerta da Google, almeno secondo noi al momento è effettivamente così. In più la possibilità di contare su una serie di ottimizzazioni tra cui anche un’accurata gestione della batteria in relazione alle app che più la drenano. 

Per quanto riguarda le prestazioni lo smartphone non delude affatto. Antutu Benchmark si sono fermati a 208846. Sono prestazioni vicine a quelle di OnePlus 5T e di Huawei P20 Pro, lontane però da quelle di tanti top di gamma a partire da Samsung Galaxy S9+, ma anche OnePlus 6 e Sony Xperia XZ2.

Nel complesso il prezzo di 799 euro ci sembra decisamente elevato, viene da dire più per le limitazioni ergonomiche che per le prestazioni e le caratteristiche complessive. Intorno ai 650 euro potrebbe invece essere una soluzione molto interessante.  

Scegli tu!
Scegli tu!

Plus d'info : Itespresso.fr/

image beaconimage beaconimage beacon