Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Mike Pompeo: "Con l'Unione Europea c'è disaccordo sull'Iran"

Il Segretario di Stato americano, Mike Pompeo , è giunto nei Paesi Bassi per una serie di colloqui con il suo omologo olandese. Proprio in questi giorni, Pompeo ha affermato che gli Stati Uniti sono pronti a discutere senza condizioni con l'Iran , nel tentativo di allentare la tensione tra i Paesi. Euronews lo ha raggiunto a L'Aja per parlare delle divergenze tra Unione Europea e Stati Uniti sulla questione iraniana. "Non è assolutamente stato l'argomento principale, ma ho incontrato il Ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt: abbiamo una visione comune della minaccia iraniana , ci siamo defilati dall'Accordo sul nucleare (JCPOA), abbiamo una diversa analisi circa il modo migliore per impedire all'Iran di avere un percorso improntato alle armi nucleari. Su quell'aspetto tecnico non siamo d'accordo, tuttavia riguardo ad obiettivi, rischio e minaccia, europei e americani condividono molti pensieri". Accordi commerciali in vista? Con Donald Trump nel Regno Unito questa settimana, le scelte commerciali britanniche sono in cima all'agenda: abbiamo chiesto a Pompeo se gli Stati Uniti daranno priorità ad un accordo commerciale con Londra . "Dobbiamo vedere come procede la questione - Brexit, ma è una priorità per noi: abbiamo una lunga e profonda relazione con il Regno Unito, quando la Brexit sarà completata - come richiesto dal popolo britannico - intendiamo lavorare su un accordo di libero scambio , equo, reciproco, basato sulla fiducia ed entrambi faremo crescere le nostre economie". Pressato sull'eventualità di un accordo con l'Unione Europea, Pompeo ha affermato di non avere idea della sequenza degli eventi. Le relazioni transatlantiche sono state tese di recente, Trump ha definito l'Unione Europea un nemico : Pompeo ha le idee chiare sull'argomento. "Penso che il Presidente Trump volesse dire che ci sono luoghi in cui l'economia statunitense non viene trattata in modo equo: non possiamo vendere i nostri prodotti agricoli nella maggior parte dei Paesi dell'Unione Europea, che però può vendere i propri prodotti negli Stati Uniti: questo non è giusto, non è reciproco, nessuno penserebbe alla creazione di un regime commerciale che consenta tutto ciò". L'intervista completa andrà in onda su Euronews mercoledì prossimo in Global Conversation .
image beaconimage beaconimage beacon