Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Il caffè, elisir di lunga vita

Logo Il Giornale Salute Il Giornale Salute 16/07/2017 Paolo Grillandi

Ogni giorno, nel mondo, si consumano ben 2,5 miliardi di tazzine di caffè, e la buona notizia è che bere almeno un caffè al giorno allunga la vita. A sostenerlo è un vasto studio osservazionale recentemente effettuato dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) unitamente all'Imperial College di Londra.

Il caffè, elisir di lunga vita © Thinkstock Il caffè, elisir di lunga vita

La ricerca è stata pubblicata su Annals of Internal Medicine e ha coinvolto oltre 10 milioni di persone, di 10 Paesi europei (tra i quali anche l'Italia); con l'obbiettivo di valutare se il consumo di caffè avesse un qualche rapporto con i rischi di mortalità. Gli studi effettuati sino ad ora presentano risultati contrastanti, ma quest'ultimo è il più ampio mai realizzato sull'argomento, dunque quello presumibilmente più attendibile allo scopo di ottenere risposte convincenti.

Ebbene, stando a quanto dichiarato dai ricercatori, si è riscontrato che un maggior consumo di caffè si associa ad un rischio inferiore di mortalità da tutte le cause, in particolare da malattie del tratto digerente. I risultati emersi sono sostanzialmente gli stessi in tutte e dieci le nazioni europee coinvolte in questo studio, a prescindere cioè dalle diverse abitudini rispetto al consumo e alla preparazione del caffè.

In particolare chi consuma una tazza della 'bevanda nera' al giorno, riduce del 12per cento i rischi di mortalità in generale; ancor meglio che ne consuma tre o più: in costoro il rischio di mortalità cala persino del 18per cento. Ciò, peraltro, sarebbe vero anche per il decaffenitato; questo perché, a quanto pare, alla base degli effetti benefici della bevanda non vi sarebbe la caffeina, quanto piuttosto i polifenoli, gli acidi clorogenici e i diterpeni, tutti composti dalle forti proprietà antiossidanti.

Come detto, i maggiori benefici riguardano l'apparato digerente: limitatamente a ciò, chi consuma più di tre tazze di caffè, se maschio, ha una mortalità inferiore del 59per cento; mentre, se donna, inferiore del 40per cento. Va aggiunto che più di un terzo delle cause di morte per patologie riguardanti il tratto digestivo, considerate nello studio, riguarda il fegato; in tal senso il caffè potrebbe essere benefico perché chi ne consuma ha un migliore profilo enzimatico. Inoltre, bere caffè consente anche un miglior controllo del glucosio e un più basso grado di infiammazione nell'organismo (tant'è che chi consuma questa bevanda ha bassi valori di proteina C, un marcatore di infiammazione).

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Il Giornale Salute

image beaconimage beaconimage beacon