Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Attenzione a come cucini le patatine fritte, possono diventare tossiche

Logo Evolve Evolve 19/01/2022 evolve
© Fornito da Evolve

Tra i peccati di gola che a volte ci concediamo ci sono le gustosissime patatine fritte, magari accompagnate da qualche salsa. Attenzione, però, a come le cuciniamo perché possono diventare tossiche e causare problemi molto seri alla nostra salute. Come tutti i fritti, infatti, occorre limitarne l’assunzione per non appesantire l’organismo ma la frittura ha anche altri rischi.

LEGGI ANCHE >> ATTENZIONE AL CERUME: PUÒ AVERE UN INCREDIBILE EFFETTO COLLATERALE

Il problema sta tutto nell’acrilammide, una sostanza notoriamente cancerogena che si produce quando si frigge. Un servizio andato in onda su RaiTre, infatti, ha posto l’accento sulla pericolosità della sostanza che è attenzionata anche dall’UE. L’intenzione degli organismi europei, infatti, sarebbe quella di intensificare i controlli e definire le soglie di sicurezza. Ma perché l’acrilammide è tanto pericolosa?


Video: Carenza di vitamina D, attenzione se hai questi sintomi (Evolve)

LEGGI ANCHE >> IL TEST DI GRAVIDANZA PUÒ DIAGNOSTICARE ANCHE UN TUMORE

Questa sostanza, prodotta con le fritture e l’abbrustolimento degli alimenti, varia a seconda del tipo di cibo. Per questo è difficile stabilire una soglia valida per tutti. Per evitare rischi, il consiglio è quello di preparare le nostre amate patatine fritte immergendole in acqua.

L’acqua, infatti, fa fuoriuscire l’amido contenuto diminuendo la reazione da cui si produce l’acrilammide. Anche la temperatura dell’olio, poi, è importante: è bene che non sia superiore ai 170 °C, preferendo olio EVO o di girasole alto oleico.

Foto Shutterstock

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Evolve

image beaconimage beaconimage beacon