Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Le vampate di calore e il rischio cardiovascolare

Logo sanihelp.it sanihelp.it 03/05/2017 Angela Nanni
Le vampate di calore e il rischio cardiovascolare © Thinkstock Le vampate di calore e il rischio cardiovascolare

Sanihelp.it - Le vampate di calore, soprattutto quelle di cui si può soffrire durante le primissime fasi della menopausa, non sembrano essere un semplice fastidio, ma un fattore di rischio per lo sviluppo di disturbi cardiovascolari.

A sostenere questa tesi, uno studio pubblicato sulla rivista Menopause: i ricercatori, nello specifico, hanno seguito 272 donne, non fumatrici, di età compresa fra i 40 e i 60 anni.

La presenza di vampate di calore nelle donne nella fascia di età 40-53 anni si è associata a una peggiore funzionalità delle cellule endoteliali.

Tale peggioramento si è rivelato indipendente da altri fattori di rischio cardiovascolari e si è mostrato inesistente nelle donne nelle quali le caldane sono comparse più tardi, ovvero fra i 54 e i 60 anni.

Secondo gli autori dello studio la presenza di caldane già durante la transizione verso la menopausa può essere il sintomo di cambiamenti cardiovascolari che possono portare, a loro volta, a situazioni patologiche.

In ogni caso le caldane, sembrano associarsi anche a problemi della salute delle ossa e al declino cognitivo. 

ALTRO SU MSN:

Cuore e prevenzione (Mediaset)

Riproduci nuovamente video

Sponsorizzato

Il tuo computer è troppo lento per navigare bene su internet? Cambia in meglio. Scarica qui Windows 10

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da sanihelp.it

image beaconimage beaconimage beacon