Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Sole, istruzioni per l’uso delle creme protettive

Logo OK Salute OK Salute 12/07/2018

Il fattore di protezione adatto

Il fattore di protezione adatto © Fornito da PRS s.r.l. Il fattore di protezione adatto

Tempo di mare, tempo di crema solare. Come scegliere quella più adatta alla propria pelle? A rispondere a questa domanda ci ha pensato anche la Commissione Europea. In un documento si dichiara che i fototipi più scuri possono gradualmente ridurre il grado di protezione, mentre chi ha la pelle chiara deve utilizzare sempre una crema con Spf molto alto (50 o 50+).

Nella scelta del prodotto bisogna sempre controllare la presenza dell'apposito logo anti UVA, ma un occhio di riguardo va dato anche alla data di scadenza, quando è riportata. La maggior parte dei prodotti dura 2-3 anni sugli scaffali, ma gli esperti ritengono che perdano le loro proprietà di filtro dopo un anno. Utilizzarle non è dannoso, ma potrebbero essere meno efficaci.

Quando e quanta crema mettere

Quando e quanta crema mettere © Fornito da PRS s.r.l. Quando e quanta crema mettere

La maggior parte degli esperti considera di applicare la crema protettiva almeno un quarto d'ora-mezz'ora prima dell'esposizione al sole. Ottima quindi la scelta di farlo a casa, prima di uscire. Ma una volta non basta: il prodotto deve essere applicato più volte nel corso della giornata, ogni due ore secondo la Skin Cancer Foundation.

Anche se sulla confezione è riportata la dicitura waterproof, la crema va riapplicata dopo ogni bagno o attività sportiva. Per quanto possano essere resistenti all'acqua, infatti, nessuna delle creme in commercio sembra essere totalmente waterproof.

Si calcola che un palmo di mano pieno sia sufficiente per le gambe, le braccia, il viso e il collo di un adulto. Attenzione al dorso delle mani, ai piedi, alle orecchie, alla parte posteriore delle ginocchia, delle gambe e del collo, dove è facile dimenticarsi di arrivare e dove più spesso, infatti, ci si scotta.

Protezione bassa

Protezione bassa non significa nessuna protezione, ma un valore Spf tra 6 e 10. Se il valore di protezione è assente o inferiore a 6, il prodotto non si può definire “solare”. A usare questa crema solitamente sono le persone che appartengono al fototipo 6, cioè con capelli neri, occhi neri e carnagione nera o scura. Questa categoria non si scotta praticamente mai e, anche dopo un'esposizione prolungata al sole, non presenta evidenti differenze di colorazione.

Protezione media

Se hai capelli neri, occhi scuri e una carnagione bruno-olivastra allora appartieni al fototipo 5 e per proteggerti in modo corretto durante l'esposizione al sole per te può bastare una crema solare a protezione media, cioè Spf 20.

Protezione alta

Le carnagioni medie, cioè quelle che appartengono al fototipo 3 (capelli castani, occhi chiari o marroni e pelle bruno-chiara) e 4 (capelli castani scuri o neri, occhi scuri e carnagione olivastra), hanno meno probabilità di scottarsi rispetto ai primi due fototipi, ma devono comunque fare molta attenzione. Dopo l'esposizione al sole sono infatti i più soggetti all'insorgenza di macchie su viso, braccia e décolleté (scopri cosa sono e come si eliminano). Il consiglio è quello di usare inizialmente una protezione alta (Spf 50) e poi passare gradualmente a una media (Spf 30),

Protezione molto alta

Sono consigliate per le persone con fototipo 1 o 2, cioè con capelli biondi, rossi o castani chiari e la pelle molto sensibile (spesso con efelidi).

Pocket

Perfetti da mettere in valigia per un weekend al mare quando, se si prende l'areo, non si possono portare flaconi maggiori di 100 ml. Ma non solo: il formato "pocket" è adatto anche alla vita di tutti i giorni, da tenere in borsa.

Doposole

Spalmato alla fine di una giornata al mare, il doposole rinfresca, reidrata e nutre la pelle arrossata dal sole, disidratata dalla salsedine e stressata dai raggi ultravioletti. È un prezioso alleato per prolungare l'abbronzatura: l'esposizione al sole, infatti, sottrae alla pelle liquidi e sostanze protettive, rendendola visibilmente più secca. Il momento migliore in cui usarlo? Dopo la doccia, sulla pelle asciutta e pulita.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Creme solari: qual è la differenza tra filtri chimici e schermi fisici?

Le lampade non preparano la pelle all’abbronzatura

Pelle arrossata o eritema: ecco cosa fare se ti bruci in spiaggia

Creme solari: 10 falsi miti da sfatare

© non disponibile
Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da OK Salute

image beaconimage beaconimage beacon