Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Tumore alla vescica, alcuni cibi riducono scientificamente il rischio

Logo Il Giornale Il Giornale 13/05/2019 Maria Girardi
Sistema © Fornito da Il Giornale Online SRL Sistema

Predilige gli uomini con un rapporto maschi/femmine di 3:1. Il tumore alla vescica rappresenta il 3-4% di tutte le neoplasie (tra le più diffuse vi sono quella al seno, al polmone, al colon-retto e alla prostata).

Riproduci nuovamente video

Numerosi sono i fattori di rischio. Innanzitutto la possibilità di sviluppare questo tipo di cancro è due volte superiore nei fumatori, in particolar modo in chi consuma 10 o più sigarette al giorno. Sono esposti anche i lavoratori dell'industria tessile, dei coloranti, della gomma, del cuoio, minatori e parrucchieri, ovvero tutti coloro che entrano quotidianamente in contatto con i cosiddetti idrocarburi policiclici aromatici. Analogo discorso per le pazienti affette da cancro al collo dell'utero e sottoposte a radioterapia. Purtroppo non esistono sintomi specifici del tumore alla vescica. Le manifestazioni più ricorrenti sono:

- Ematuria, sangue nelle urine. Si riscontra agli esordi nell'80% dei casi. Il più delle volte l'emorragia è visibile ad occhio nudo e pertanto le urine presentano un colore rosso vivo o ruggine, spesso misto a coaguli;

- Pollachiuria, minzione frequente;

- Stranguria, minzione dolorosa;

- Tenesmo, sensazione di incompleto svuotamento della vescica;

- Minzione intermittente;

- Frequenti infezioni del tratto urinario;

- Dolore addominale o alla parte bassa della schiena.

In alcuni soggetti, tuttavia, la malattia può essere asintomatica fino a fasi molto avanzate. Una speranza sembra giungere da un'analisi effettuata dall'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano (INT) che ha confermato quella che prima era soltanto un'ipotesi: un consumo elevato di cibi ricchi di flavonoidi riduce il rischio di tumore alla vescica. I flavonoidi sono sostanze antiossidanti in grado di modulare i processi biologici di una neoplasia, come la vascolarizzazione e la proliferazione delle cellule. Alla base della ricerca un questionario di frequenza alimentare a cui sono stati sottoposti gli individui coinvolti. Gli specialisti hanno così stimato l'assunzione delle sei classi più comuni di flavonoidi. Dai risultati è emersa una riduzione significativa del rischio di sviluppare la patologia del 44% nei soggetti che arricchivano la dieta con isoflavoni e del 36% nelle persone che consumavano frequentemente flavoni. I primi sono contenuti in latte e zuppe a base di lenticchie, soia, ceci e fagioli. I secondi, invece, sono presenti in bietole, spinaci, vino rosso e tè.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Il Giornale

image beaconimage beaconimage beacon