Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

A un metro e con Ffp2 il rischio di contagio è trascurabile. La ricerca dell'Università di Padova

Logo HuffPost HuffPost 4 giorni fa ANSA
© Fornito da HuffPost

Senza la mascherina, le goccioline di saliva emesse quando si parla da una persona che ha l’infezione da Covid-19 possono raggiungere la distanza di poco più d’un metro, mentre starnutendo arrivano fino 7 metri in condizioni di elevata umidità. La mascherina chirurgica dà invece una protezione misurabile e una ancora maggiore si ha utilizzando la Ffp2 anche se è impossibile stabilire una distanza di sicurezza universale. Ad indicarlo sono i risultati ottenuti dal gruppo di ricerca di Francesco Picano, del dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Padova, pubblicati sul Journal of the Royal Society Interface.

Il gruppo di ricerca, del quale fanno parte Federico Dalla Barba e Jietuo Wang, ha lavorato in collaborazione con Alfredo Soldati, e Alessio Roccon, del Politecnico di Vienna e dell’Università di Udine, e Gaetano Sardina della svedese Chalmers University of Technology. I ricercatori propongono un modello di quantificazione del rischio di contagio da Covid-19 in funzione della distanza interpersonale, condizioni ambientali di temperatura e umidità e tipo di evento respiratorio considerato (parlare, tossire o starnutire) con o senza l’utilizzo di mascherine. La ricerca, utilizzando i più recenti dati sperimentali sulla riduzione dell’emissione di goccioline ad opera delle mascherine, ha testato il modello per quantificare come i dispositivi di protezione individuale abbattano il rischio di contagio: l’utilizzo della mascherina, chirurgica e ancor di più se FFP2, si dimostra essere un eccellente strumento di protezione abbattendo il rischio di contagio che diventa trascurabile già a brevi distanze (circa 1m), indipendentemente dalle condizioni ambientali o dall’evento respiratorio considerato. Le stime che emergono dal modello, rilevano gli autori della ricerca, sono in accordo con le più recenti evidenze sperimentali. Dall’applicazione del modello per la stima del rischio di contagio si capisce che non esiste una distanza di sicurezza “universale” in quanto essa dipende dalle condizioni ambientali, dalla carica virale e dal tipo di evento respiratorio. Ad esempio, considerando un colpo di tosse (con media carica virale) si può avere un alto rischio di contagio entro i 2 metri in condizioni di umidità relativa media mentre diventano 3 con alta umidità relativa, sempre senza mascherina.

La ricerca condotta dal team di Picano © Fornito da HuffPost La ricerca condotta dal team di Picano

Video: Come calcolare i numeri di morti con covid e per covid (Mediaset)

Riproduci nuovamente video
Scegli tu!
Scegli tu!

ALTRO DA HUFFPOST

image beaconimage beaconimage beacon