Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Coronavirus, ecco perché è importante vaccinare i bambini dall’influenza (anche in funzione anti-Covid)

Logo Corriere della Sera Corriere della Sera 23/05/2020 Laura Cuppini

I bambini e l’influenza

È possibile che, con l’autunno, l’epidemia di Sars-CoV-2 riprenda vigore. L’incrocio con la stagione influenzale (che quest’anno ha colpito 7,6 milioni di persone) potrebbe creare un mix esplosivo, anche per la confusione data dai sintomi iniziali. Qualunque persona con tosse e febbre penserà immediatamente a Covid e si sottoporrà al tampone, ma l’influenza provoca gli stessi disturbi. Vaccinarsi contro quest’ultima consente di indirizzarsi più facilmente alla diagnosi. Nei bambini, soprattutto fino ai 2 anni, l’influenza può essere una malattia seria, con rischi di complicanze e ricoveri. Peraltro, anche quando si manifesta in forma lieve o moderata, ha l’effetto di indebolire l’organismo, che finisce con l’essere più esposto anche ad altre infezioni. Da diversi anni la Società italiana di pediatria (Sip) e quella di Igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (Siti) chiedono che la vaccinazione antinfluenzale sia raccomandata (e quindi gratuita) anche per i bambini. Oggi in Italia lo è solo per gli ultrasessantacinquenni, tra i quali la copertura supera di poco il 50 per cento, e per le categorie a rischio. In alcuni Paesi, come Stati Uniti e Inghilterra, si fanno invece campagne per vaccinare tutti i bambini, con buoni risultati nel contenimento dei contagi.

GUARDA ANCHE: "Il vaccino è già arrivato"

Riproduci nuovamente video

L’antinfluenzale è sicuro?

Sì, può essere somministrato senza rischi fin dai 6 mesi di età. Il piano vaccinale in vigore lo ha calendarizzato anche durante la gravidanza. Non si conoscono episodi di effetti avversi gravi. Perché si è scelto di È la fase in cui possono verificarsi complicanze, i bambini grandi hanno un sistema immunitario più sviluppato. I medici di famiglia e i pediatri sostengono che la vaccinazione antinfluenzale è consigliata a tutte le età, per evitare la confusione con Covid e il rischio di doppia infezione. Se non si rientra in una delle categorie per cui il vaccino è raccomandato, che cosa si deve fare? L’antinfluenzale si può acquistare in farmacia — il costo è di circa 10 euro per il trivalente, qualcosa di più per il quadrivalente — e deve essere somministrato da un medico. Per i piccoli esiste una formulazione ad hoc.

Bambini «untori»?

Sappiamo che i bambini sono un serbatoio per la diffusione dell’influenza (anche perché la copertura vaccinale nell’infanzia è bassissima in Italia). Ma si può dire lo stesso per Covid-19? Un recente studio australiano ha esaminato la situazione in alcune scuole, dimostrando che non ci sono stati casi di trasmissione di Sars-CoV-2 dai bambini agli insegnanti. Inoltre sappiamo che i piccoli si ammalano di Covid molto meno degli adulti e il tasso di mortalità tra i piccoli è basso.

È comunque giusto tenere le scuole chiuse?

I bambini, soprattutto nei primi anni di vita, vengono frequentemente colpiti da infezioni delle alte vie respiratorie. È accertato che, per quanto riguarda l’influenza, sono loro i grandi «untori» che possono mettere a rischio soprattutto i nonni (qualora questi ultimi non siano vaccinati). Per Sars-CoV-2 la situazione sembra essere diversa: nella grande maggioranza dei casi i bambini sono stati colpiti da forme lievi o asintomatiche dell’infezione e, secondo alcuni nuovi studi, una delle cause potrebbe essere una minore presenza, nelle alte vie respiratorie, di recettori ACE-2 (quelli cui si lega la proteina spike del coronavirus per potersi diffondere nelle cellule umane). Questo non significa che i bambini non trasmettano il virus o siano elementi secondari nella sua diffusione. Sars-CoV-2 è comparso alla nostra attenzione a dicembre e sono soli pochi mesi che ne studiamo le caratteristiche epidemiologiche. La chiusura delle scuole ha certamente contribuito a fermare la trasmissione dai bambini agli adulti. Al momento non abbiamo dati sufficienti per definire un ruolo dei bimbi nella pandemia. La riapertura delle scuole a settembre potrebbe rappresentare un rischio? No, sono previste misure di prevenzione che renderanno sicura la partecipazione alle lezioni dei bambini.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro dal Corriere della Sera

image beaconimage beaconimage beacon