Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Legionella: ecco tutto quello che devi sapere

Logo OK Salute OK Salute 12/09/2018

Cos'è la legionella 

Cos'è la legionella  © Fornito da PRS s.r.l. Cos'è la legionella 

La legionella, o legionellosi, è un'infezione provocata da un batterio, che si chiama appunto legionella (esattamente legionella pneumophila) e colpisce i polmoni. Sono due le conseguenze dopo essere stati contagiati: la prima è la malattia del Legionario, che è la forma più grave e causa una forte polmonite, mentre la seconda è la febbre di Pontiac, una forma più leggera di infezione.

Deve il suo nome a un'epidemia acuta che colpì un gruppo di ex combattenti in Vietnam della American legion, che nell'estate del 1976 si erano riuniti in un albergo di Philadelphia. Su circa 2.000 partecipanti 221 si ammalarono e 34 morirono per una polmonite acuta. Inizialmente non si conoscevano le origini della malattia e si pensò anche a un attacco biologico da parte dei russi. Poi si capì che in realtà l'origine della malattia era batterica: si erano sviluppati nell’impianto di condizionamento dell'hotel dei batteri fino ad allora sconosciuti.

Sintomi

Sintomi © Fornito da PRS s.r.l. Sintomi

La legionella, o legionellosi, è un’infezione provocata da un batterio, che si chiama appunto legionella (esattamente legionella pneumophila) e colpisce i polmoni. Sono due le conseguenze dopo essere stati contagiati: la prima è la malattia del Legionario, che è la forma più grave e causa una forte polmonite, mentre la seconda è la febbre di Pontiac, una forma più leggera di infezione.

I sintomi sono piuttosto generici. Per la malattia dei Legionari quelli più frequenti sono raffreddore, tosse, febbre, mal di testa, dolori muscolari, astenia, perdita d’appetito. Possono comparire anche disturbi renali e diarrea.

La febbre di Pontiac, che guarisce in pochi giorni, ha sintomi del tutto simile a un’influenza; quindi febbre, brividi, mal di testa e malessere generale.

Dove si trovanoi batteri responsabili

Dove si trovano i batteri responsabili © Fornito da PRS s.r.l. Dove si trovano i batteri responsabili

I batteri che causano questa malattia vivono in acqua. Il loro habitat preferito è l’acqua calda, con una temperatura compresa fra i 25 e i 55 gradi. Si possono trovare nei fiumi, nei laghi, negli stagni e nelle sorgenti, anche termali. Da qui possono entrare anche nelle condotte cittadine, negli impianti idrici degli edifici e nelle tubature.

Come avviene il contagio

Come avviene il contagio © Fornito da PRS s.r.l. Come avviene il contagio

La trasmissione avviene attraverso le particelle d’acqua nebulizzate, presenti ad esempio nelle docce, nelle fontane, nei rubinetti e negli impianti di condizionamento. La legionellosi non si trasmette da persona a persona.

Chi colpisce

Chi colpisce © Fornito da PRS s.r.l. Chi colpisce

Chiunque può ammalarsi di legionella. Sono più a rischio però gli uomini anziani. Le probabilità s’impennano per i consumatori di alcol abituali e per i fumatori. Colpisce in modo più grave chi ha il sistema immunitario debole, come i pazienti di diabete, tumori o Hiv. La febbre di Pontiac colpisce individui comunemente in buono stato di salute.

Diagnosi

Diagnosi © Fornito da PRS s.r.l. Diagnosi

Per capire se siamo stati colpiti da legionella è necessario un test di laboratorio. In primis si procede a una radiografia del torace, poi i test di funzionalità renale completate con isolamento del batterio in coltura (espettorato, sangue, eccetera), la ricerca degli antigeni urinari e del titolo anticorpale.

Cura

Cura © Fornito da PRS s.r.l. Cura

Il trattamento prevede una terapia antibiotica. Difficilmente si arriva alla morte, se non nei casi in cui l’infezione sia particolarmente acuta e non venga diagnosticata in tempo.

Prevenzione

Prevenzione © Fornito da PRS s.r.l. Prevenzione

Ci sono delle linee guida messe a punto dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e dallo European working group for legionella infections (Ewgli). Oltre alle raccomandazioni per gli enti pubblici per quanto riguarda gli acquedotti, bisogna assolutamente ricordare che è fondamentale che gli impianti di condizionamento siano installati in modo idoneo. È necessario poi fare un’accurata pulizia e disinfezione dei filtri dei condizionatori. Inoltre occorre decalcificare periodicamente i rompigetto dei rubinetti e i diffusori delle docce, sostituendo anche le guarnizioni e altre parti usurate degli impianti idrici. Per evitare la stagnazione di colonie batteriche occorre svuotare, pulire e disinfettare i serbatoi di accumulo dell’acqua come gli scaldabagni e le tubature.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Intossicazione da pesce: tutto quello che devi sapere

Germi e batteri: ecco in quali luoghi e gesti quotidiani si nascondono

Intossicazione da cozze: quando viene e come evitarla

OMS: ecco i 12 batteri più pericolosi del mondo

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da OK Salute

image beaconimage beaconimage beacon