Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Tecnici radiologi, gli occhi che cercano il Covid nelle immagini

Milano, 11 nov. (askanews) - Sono gli occhi della pandemia, quelli che i pazienti impauriti incontrano quando hanno bisogno di una lastra o di una Tac, spesso per confermare una diagnosi Covid, e che poi rendono visibili, attraverso le immagini, i segni del virus, che a volte non risulta dai tamponi. Sono i 28mila Tsrm, o tecnici sanitari di radiologia medica, in prima linea nella lotta al virus e per questo ad alto rischio burn out. Ma non solo. Da loro dipendono anche i malati oncologici cui somministrano le cure, spesso salva vita, e le persone fragili che assistono con i servizi di radiologia domiciliare. La situazione oggi è drammatica come ci racconta Carmela Galdieri, presidente dell'Ordine dei tecnici di radiologia in forze all'Humanitas di Rozzano: "La situazione non è delle migliori cerchiamo di mettercela tutta, cercando di supportare e sopportare questo momento, ma è difficile. I pronto soccorso, anche quelli dedicati, sono al collasso, così come gli ospedali dove molte degenze sono state trasformate in degenze Covid. Il problema adesso che si presenta realmente è quello del personale sanitario, che si ammala. E diventa difficile. Il supporto che si da al collega inizia a mancare perché non siamo più in grado di affrontare un'emergenza di questo tipo". A differenza differenza della scorsa primavera, oggi è più difficile individuare i positivi perché molti sono asintomatici. "Il problema di adesso è che la maggior parte dei paziente è asintomatica. Sono pazienti che non hanno grossi problemi respiratori ma che eseguendo tac e lastre a scopo precauzionale anche per proteggere i medici si scopre essere dei pazienti Covid positivi, questo sì", ha spiegato Galdieri Ma non c'è solo il Covid da gestire e ai pazienti soprattutto in momenti così difficili bisogna far sentire la propria vicinanza. "I malati ci sono, non ci sono solo i malati Covid, quindi bisogna andare avanti con tutto il sistema sanitario. Io nello specifico lavoro in un reparto di radioterapia, i malati oncologici ci sono, come si dice il tumore non va in vacanza, quindi bisogna trattarli e supportarli. E quindi anche un piccolo gesto come sorridere attraverso la mascherina, che non è facile, è necessario ed è utile e quindi bisogna impegnarsi tutti per superare questo momento di pandemia e crisi generale".
image beaconimage beaconimage beacon