Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Bambini: valutare le diete degli amici può migliorare le abitudini alimentari

Logo COVER Media Italia COVER Media Italia 14/09/2021
© Fornito da COVER Media Italia

Convincere i bambini a valutare le scelte dietetiche dei loro coetanei potrebbe aiutarli a migliorare il proprio regime alimentare.

Lo stabilisce una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Child Development.

L'obesità infantile è diventata un problema in molti paesi, con oltre 340 milioni di bambini e adolescenti classificati come sovrappeso o obesi nel 2016 dall'Organizzazione mondiale della sanità.

Tale patologia è associata ad un'ampia gamma di gravi complicazioni di salute e a un aumentato rischio di insorgenza prematura di malattie, inclusi diabete e malattie cardiache e, senza un intervento, può degenerare fino all'età adulta.

Tuttavia, un nuovo studio condotto negli Emirati Arabi Uniti ha trovato un metodo improbabile per migliorare la dieta dei bambini, facendoli riflettere sulle scelte alimentari degli altri e sulla loro salute.

Nello studio, si presentavano ai bambini studenti fittizi della stessa età identificati come provenienti da un'altra scuola, le cui scelte alimentari sane o malsane erano condivise con i partecipanti.

Ai bambini sono stati presentati quattro diversi vassoi alimentari, ciascuno con cinque diversi alimenti dal valore nutritivo simile, valutati da un nutrizionista del Burjeel Hospital di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti. A ciascuno è stato chiesto di selezionare quattro cibi dai vassoi.

Prima di fare le proprie scelte alimentari, sono stati informati dei quattro prodotti alimentari scelti da un coetaneo sconosciuto che frequentava una scuola diversa e che si diceva partecipasse all'esperimento.

È stato anche chiesto loro di valutare la salubrità delle scelte di un pari come "molto malsana", "malsana", "sana" o "molto salutare”.

I ricercatori hanno scoperto che coloro a cui è stato chiesto di valutare le scelte di un pari, sceglievano il cibo significativamente più sano, indipendentemente dal fatto che la scelta alimentare del pari fosse salutare o meno.

«Avere potere decisionale deliberativo durante la prima adolescenza significa che quando si è invitati a valutare le scelte alimentari di un pari remoto, questo può influenzare la salubrità delle scelte alimentari degli studenti più grandi rispetto a quelli più giovani», ha detto Ernesto Reuben, ricercatore capo e professore del Center for Behavioral Institutional Design presso la New York University Abu Dhabi.

«Questi risultati mostrano che far pensare le persone in modo più deliberato influisce sul loro processo decisionale, inoltre, la fase del loro sviluppo cognitivo è importante», ha aggiunto Francisco Lagos, professore di economia presso l'Università Zayed e l'Università di Granada.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da COVER Media Italia

image beaconimage beaconimage beacon