Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Perché le zanzare pungono solo alcune persone?

Logo OK Salute OK Salute 06/07/2022 Redazione OK-Salute
zanzare © Fornito da OK Salute zanzare

Ogni estate, sempre la stessa storia: ti ritrovi con le gambe, le braccia e talvolta anche con il viso costellati di punture di zanzara mentre il tuo compagno, i tuoi amici, la tua collega ne escono sempre indenni. Tu passi le serate a contare i lasciti di questi insetti affamati, grattando i pomfi biancastri circondati da aloni arrossati e spesso eritematosi, quando gli altri neanche si accorgono della loro fastidiosa presenza. Ma come mai le zanzare pungono solo alcune persone? Alcune ricerche hanno dimostrato che le zanzare colpiscono alcuni individui più di altri per una combinazione di fattori. Vediamo quali.

Entra in gioco il gruppo sanguigno

La zanzara femmina, che è quella che punge l’uomo, va alla ricerca di sangue per avere proteine ed energie che le consentono di deporre le uova. Tendenzialmente preferisce nutrirsi del sangue di tipo 0, che trova più appetibile rispetto agli altri. Ma come fanno le zanzare a conoscere il gruppo sanguigno della loro preda? Pochi sanno che circa l’85% delle persone emette un “segnale” chimico attraverso la pelle, che indica il proprio gruppo sanguigno, ed è questa fetta di popolazione a essere la più bersagliata dalle punture. Il restante 15% non produce alcun segnale e dunque la zanzara non riesce a cogliere nessuna informazione su quella persona.

Attratte dall’anidride carbonica

Le zanzare, poi, sono attratte dall’anidride carbonica che l’uomo produce attraverso la respirazione e la traspirazione. Grazie ad alcuni recettori posti all’altezza delle loro mascelle, questi insetti sono in grado di identificare la presenza di anidride carbonica anche a metri di distanza. Ciò significa che le persone che producono quantitativi superiori di anidride carbonica sono anche le più bersagliate.

Le zanzare colpiscono chi suda di più


Video: Sorsi e morsi del 07/07/2022 (RaiNews)

Riproduci nuovamente video

Attraverso il sudore l’uomo espelle alcune sostanze, come l’acido urico, l’acido lattico e l’ammoniaca, che hanno un loro odore. Le zanzare ne sono attratte, quindi chi tende a sudare maggiormente ha maggiori probabilità di essere punto.  A influenzare l’odore del sudore sono cibi e bevande che si portano in tavola. Ad esempio, alcuni studi hanno dimostrato che dopo aver bevuto una birra da 33cl l’uomo emana, attraverso la pelle, un odore particolarmente attraente per le zanzare, che sono portate a colpire di più quella persona. A scatenare l’effetto opposto, invece, è l’aglio: questi insetti si tengono alla larga da chi ha mangiato una bella spaghettata aglio, olio e peperoncino perché l’odore prodotto dalla cute non è loro gradevole.

Chi ha una temperatura elevata è preda facile

Chi ha una temperatura corporea più alta, come ad esempio gli sportivi dopo una prestazione o le donne incinte, è una preda più appetibile per le zanzare. Questi insetti sono attratti anche dalla presenza di batteri sulla pelle, che albergano soprattutto nella zona dei piedi, che è anche una delle più colpite dalle zanzare.

Le zanzare sono attratte da colori scuri

Anche i colori degli abiti indossati possono invogliare o meno le zanzare a pungere l’uomo. Da alcune ricerche, infatti, è emerso che questi insetti sono maggiormente attratti dal nero, dal rosso, dal grigio e dal blu. Ad attirare meno la loro attenzione, invece, sono il verde, il giallo e il color kaki.

Leggi anche…

L'articolo Perché le zanzare pungono solo alcune persone? proviene da OK Salute e Benessere.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da OK Salute

image beaconimage beaconimage beacon