Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Ultime notizie dal mondo dello sport

Bogliolo e Bruni, in mezzora due ori per l’atletica azzurra

Logo La Gazzetta dello Sport La Gazzetta dello Sport 11/07/2019 Valerio Piccioni
© Fornito da RCS MediaGroup S.p.A.

Due ori per l’atletica azzurra alle Universiadi in meno di mezz’ora! Luminosa Bogliolo e Roberta Bruni si prendono i 100 ostacoli e il salto con l’asta in una giornata da incorniciare al San Paolo. Per l’ostacolista è una conferma nel percorso di una stagione boom, tanto che con 12”79 resta a un centesimo dal personale a tre dal record italiano di Veronica Borsi, per l’astista un risveglio clamoroso con il primato personale all’aperto di 4.46.

Che scalata

Dalla semifinale di Taipei all’oro di Napoli. In due anni Luminosa Bogliolo, Lumi per chi la conosce meglio, ha scalato il mondo delle Universiadi. E dopo i 400 di Ayomide Folorunso, l’atletica italiana firma un’altra impresa sugli ostacoli, questa volta sulla distanza dei 100, grazie a questa ventiquattrenne di Alassio che vive e studia alla facoltà di Veterinaria di Torino. La ragazza delle Fiamme Oro, allenata da Ezio Madonia e Antonio Dotti, non solo vince ma convince: prima vola in semifinale con 12”86 e quasi ci fa preoccupare di aver speso troppo. Ma c’è un abisso con le altre in finale. E così il San Paolo, finalmente un po’ di gente almeno nella tribuna centrale, fa festa. In una giornata peraltro caratterizzata da ottimi risultati sulle barriere visto il 48”57 del brasiliano Santos Alison nei 400 ostacoli con il podio tutto sotto i 49 secondi.

Finalmente Roberta

Roberta Bruni è uscita da tutti i tunnel della sua carriera. La ragazza dei Carabinieri, romana di Nazzano ma cresciuta nel grande vivaio reatino, è tornata finalmente a una misura della sua prima vita atletica (quella che l’aveva portata al bronzo dei Mondiali juniores e a livello indoor a 4.60), un 4.46, record personale all’aperto, che è stato necessario per battere in volata la statunitense Baxter con la misura saltata al terzo tentativo. Per la Bruni un momento magico che l’ha portata a provare, senza riuscirci, i 4.56. Roberta, allenata da Riccardo Balloni, ha 25 anni. L’oro di oggi è una grande ripartenza per lei.

Folorunso, oro boom nei 400 hs

Osakue, il disco vola sull’oro

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Gazzetta dello Sport

image beaconimage beaconimage beacon