Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Ultime notizie dal mondo dello sport

Caos totale su Serie B e C Spunta l'ipotesi 20 squadre

Logo La Gazzetta dello Sport La Gazzetta dello Sport 19/09/2018 Alessandro Catapano

«Spettacolo indecoroso tra fallimenti e ripescaggi», «controlli inefficaci», «ci penserà il legislatore». Giorgetti li ha sculacciati tutti, passateci il termine, e tutti, ovviamente, fanno proprie le sue parole. La battaglia sul format della B è diventata un incontro a colpi sotto la cintura, una guerra quotidiana tra istituzioni e società, istituzioni e istituzioni, ora perfino tra pezzi della stessa istituzione. Eppure il sottosegretario, che vede «in modo favorevole la riconvocazione del Collegio di garanzia», riesce a mettere d’accordo questi e quelli, chi ha deliberato la B a 19 squadre e chi fa il tifo perché torni a 22. Due esempi ieri, appena ricevute le sculacciate. Mauro Balata, presidente della Lega B: «Il nostro obiettivo va esattamente nella direzione indicata dal sottosegretario, eppure noi e la Figc siamo continuamente osteggiati». Gabriele Gravina, presidente della Lega Pro: «Apprezzo le positive dichiarazioni del sottosegretario in merito alla nuova convocazione del Collegio che la stessa Federazione sta impedendo. Auspichiamo il necessario e urgente intervento del Governo per ripristinare l’ordine». 

Mauro Balata, 55 anni. Lapresse © Fornito da La Gazzetta dello Sport Mauro Balata, 55 anni. Lapresse

TAR CONTRO TAR

È chiaro, ormai, che il caos della Serie B conti tante vittime ma nessun responsabile. Intanto nel delirio di ricorsi al Coni che tornano al Tribunale federale, di istanze al Tar che sospendono il Coni, di nuove convocazioni al Coni che non aspettano il Tar, si fa molta fatica a capirci qualcosa e, soprattutto, a pronosticare il risultato finale. L’iperattivismo social di Franco Frattini non aiuta, ieri con alcune dichiarazioni che Balata ha definito «improvvide» il presidente del Collegio di garanzia ha generato un gigantesco equivoco sulla sospensione di tutto il campionato di B, cui ovviamente nessuno ha mai pensato. Mentre al Tar, evidentemente, una ne fanno e cento ne pensano. Ieri la sezione Prima ter, la stessa che sabato aveva concesso a Pro Vercelli e Ternana la sospensiva cautelare del provvedimento di inammissibilità del Collegio del Coni (che ha consentito a Frattini di riconvocare il Collegio per venerdì e lunedì), aveva tutte le intenzioni di respingere la stessa richiesta, avanzata dalla sola Pro Vercelli, per l’altro pronunciamento del Coni sulla «cessata materia del contendere». Una decisione che avrebbe rischiato di annullare la precedente, rimettendo in discussione la competenza del Coni. Cosa è cambiato al Tar da sabato a ieri? Il presidente della sezione: Gabriella De Michele aveva un’idea, Germana Panzironi un’altra. La Pro Vercelli ha annusato l’aria e ha ritirato il ricorso. La Panzironi ha fissato l’udienza sulla presunta improcedibilità al 26 settembre, e ha annunciato che ci accorperà quella sull’inammissibilità del 9 ottobre. I legali di Figc e Lega B hanno depositato subito una richiesta di sospensione del provvedimento di convocazione delle nuove udienze al Coni e del decreto di sospensione emesso sabato. Praticamente, hanno chiesto al Tar di sospendere se stesso. Un atto che dà la misura del cortocircuito in cui è stata risucchiata la B.

IPOTESI

Come andrà a finire è impossibile dirlo. Però qualcuno inizia a ipotizzare il percorso dei prossimi dieci giorni: venerdì il Collegio del Coni riporta la B a 22 squadre e lunedì sceglie le tre ripescate; il 26 il Tar annulla tutto, riportando in auge anche la sentenza con cui la Corte d’appello Figc ha dato ragione al Novara; il 28 il Tribunale federale la rimette dentro e la partita si chiude a 20 squadre. Fantapolitica? Può darsi. Intanto l’a.d. del Catana Lo Monaco invoca Giorgetti, pure lui: «Solo il Governo può far rispettare le regole».

Serie B: calendario e risultati

Ennesimo rinvio in Serie C

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Gazzetta dello Sport

image beaconimage beaconimage beacon