Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Ultime notizie dal mondo dello sport

Lazio, Lotito: "Il nostro club è una famiglia, siamo sereni e uniti"

Logo Repubblica Sport Repubblica Sport 4 giorni fa
Claudio Lotito © Fornito da La Repubblica Claudio Lotito

ROMA - La Lazio non vive un bel momento, reduce da tre pareggi in campionato e una sconfitta in Europa League con l'Apollon. Oltre a questo si parla di un ambiente poco sereno: l'ultimo esempio sono le dimissioni, poi smentite, di Angelo Peruzzi. E allora oggi prende la parola il patron Lotito per mettere in chiaro le cose: "Siamo un gruppo unito, questo club si basa su valori veri e sul rispetto. Non ho mai interferito in compiti altrui ma in ogni famiglia ci si confronta e si discute".

"LA NOSTRA E' UNA FAMIGLIA" - Claudio Lotito, in conferenza stampa dal centro sportivo di Formello, prosegue: "Sono quattro anni che non parlo, ho deciso di farlo oggi per fare chiarezza sul club. Alla mia destra c'è il mio figlioccio Inzaghi, alla sinistra l'altro figlioccio Tare, e poi Angelino con cui ci sentiamo tutti i giorni per vedere l'andamento della squadra. Ho voluto farlo perché da diverso tempo ho acquisito notizie mediatiche solo volte a destabilizzare l'ambiente. Questa è una famiglia, ci possono essere vedute diverse quando ci sono tanti figli, ma in questo caso non esistono. L'allenatore sarà qui nei prossimi anni, il ds uguale e il club manager lo stesso. Chiariamo queste situazioni per far capire che non siamo transitori, ma definitivi".

"C'E' RISPETTO DELLE PERSONE E DEI RUOLI" - "Abbiamo intrapreso un percorso di crescita infrastrutturale e di obiettivi - dice ancora Lotito . Abbiamo messo in campo tanti sforzi per far crescere il club e i risultati della squadra. Può capitare che qualche partita non vada nel senso giusto. Ma questo non lascia presagire catastrofi o rapporti deteriorati. C'è rispetto delle persone e dei ruoli, non c'è dualismo. Bisogna chiarirlo una volta per tutte. La squadra è idonea per poter competere per le migliori posizioni. Vorrei che la comunicazione scritta, televisiva, radiofonica, sia verso il rispetto della verità, non additando cose totalmente false, che sono volte sono a destabilizzare un ambiente concentrato sugli obiettivi".

"INZAGHI HA UNA FERRARI MA E' INGOLFATA" - "In questo momento abbiamo una Ferrari che viaggia a una velocità ridotta. E' ingolfata: l'importante è esserne coscienti e trovare le soluzioni per far ripartire in modo celere la macchina - continua Lotito - Se la squadra vale i primi quattro posti Champions? Non lo dico solo io, ma lo ritengono tutti quanti, tutti gli addetti ai lavori che hanno competenze tecniche. La Lazio ha potenzialità, lo dice anche lo scorso campionato e non mi pare che quest'anno ci siamo indeboliti. Ora bisogna dimostrarlo in campo, perché gli obiettivi non vanno soltanto dichiarati, ma centrati. E' importante la macchina, ma sono importanti anche il pilota e il meccanico. Gli ultimi due-tre risultati non ce li aspettavamo, lo sanno tutti, avremmo preferito altro. Ora dobbiamo fare in modo che non si ripetano: sappiamo cosa possiamo fare e dove possiamo arrivare".

Lotito si sofferma poi sul momento non fortunato di due stelle come Luis Alberto e Milinkovic-Savic: "Le aspettative sono alte e le persone reagiscono in modo diverso - dice il presidente biancoceleste - C'è chi reagisce con determinazione, chi ne subisce il peso. Quando si arriva all'apice di una certa posizione, crescere diventa complica e può capitare che ci siano dei momenti di flessione. Parliamo però di due grandi giocatori, devono trovare la migliore concentrazione. Il mercato di gennaio? Abbiamo stabilito alcune cose, faremo delle valutazioni tecniche per capire cosa servirà".

TARE: "INZAGHI HA LA NOSTRA FIDUCIA" - Prende la parola anche il ds Tare che difende il tecnico: "Il nostro allenatore merita tanto rispetto, lui è la storia di questo club: questo è un messaggio chiaro ai giocatori, ai tifosi e all'ambiente perché Inzaghi ha la nostra piena fiducia". "La critica costruttiva ci deve stare, ma quella che abbiamo subito negli ultimi giorni è stata una critica destabilizzante - ha proseguito il ds biancoceleste in conferenza stampa a Formello - Voi giornalisti siete responsabili di tante cose, questo è quello che notiamo vedendo gli articoli che sono usciti".

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica Sport

image beaconimage beaconimage beacon