Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Real-Juve, espulsione di Buffon: minacce e insulti alla moglie dell’arbitro

Logo Corriere della Sera Corriere della Sera 15/04/2018 Redazione Online

Alla vista del cartellino rosso, Buffon era esploso. L’espulsione al 93esimo minuto della partita di Champions League — e il rigore segnato dagli avversari al 95esimo — hanno fatto perdere le staffe al capitano bianconero. «Al posto del cuore hai un bidone della spazzatura», ha commentato alla fine del match contro il Real Madrid, che ha determinato l’eliminazione dalla gara della Juventus. Il bersaglio delle critiche è il giovane arbitro inglese Michael Oliver: «Non puoi rovinare tutto perché non sei a certi livelli», sostiene il portiere ai microfoni di Premium Sport negli spogliatoi, ancora con l’adrenalina in corpo. E poi aggiunge: «Se non hai la personalità per stare da protagonista in campo stai in tribuna con tua moglie e i tuoi figli e ti godi lo spettacolo». Ecco, la moglie. Se il calciatore deluso di come è andata la sua ultima partita in Champions se la prende con l’arbitro, i tifosi arrabbiati sembrano aver puntato il mirino contro di lei, Lucy Oliver. Complice la voglia di cercare un capro espiatorio e due foto condivise tempo fa su Twitter che la ritraggono sorridente a Madrid e al Bernabeu — «amo Madrid», «non è brutto questo stadio eh?», scriveva — subito si moltiplicano le teorie complottiste. La coppia stava dalla parte del Real, quel rigore (e quel cartellino rosso) non erano innocenti.

Gli insulti

© Fornito da RCS MediaGroup S.p.A.

In Gran Bretagna è stata aperta un’indagine. Lucy Oliver, anche lei arbitro della Women’s Super League, è stata sommersa di insulti e minacce. Cartacee e virtuali. Qualcuno ha condiviso sui social il suo numero di telefono. I messaggi di odio sono arrivati via Sms, via Twitter e addirittura via posta. Hanno persino scoperto il suo indirizzo. Gli agenti hanno dovuto disattivare il numero e stanno monitorando il suo account Twitter. Dove i post ancora sono visibili: «Mena tuo marito, bastardi», gli dice uno (in italiano). «Quel grandissimo cretino di tuo marito! Digli di ritirarsi e di andare a zappare!», sbotta un altro (sempre in italiano). E sono i più leggeri. Si sprofonda nel sessismo puro, e non solo.

E l’hashtag per difendere gli Oliver

Ma c’è anche chi sta sfruttando Twitter per difendere la coppia presa d’assalto. Alcuni appassionati di calcio — che non apprezzano gli insulti (gratuiti) a un arbitro, ancora meno quelli a suo moglie — hanno creato l’hashtag #ItaliaLovesMichaelOliver per dimostrare che non tutti gli italiani viaggiano a insulti e minacce. Nel giro di 24 ore, hanno twittato a favore degli Oliver in più di seimila utenti.

ALTRO SU MSN:

Allegri: «Buffon?Un esempio per 20 anni, la sua reazione comprensibile» (Corriere Tv)

Riproduci nuovamente video

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro dal Corriere della Sera

image beaconimage beaconimage beacon