Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Ultime notizie dal mondo dello sport

Gp d’Austria: Marquez in pole, 2°Dovizioso, Rossi solo settimo

Logo Corriere della Sera Corriere della Sera 12/08/2017 Alessandro Pasini, inviato allo Spielberg
© Fornito da RCS MediaGroup S.p.A.

La pole position al Red Bull Ring, undicesima tappa del Mondiale MotoGp, è naturalmente di Marc Marquez, che si mette dietro le due Ducati di Dovizioso e Lorenzo. In seconda fila partiranno Vinales (Yamaha), Petrucci (Ducati Pramac) e Zarco (Yamaha Tech 3). Apre la terza fila Rossi (Yamaha) seguito da Pedrosa (Honda) e Crutchlow (Honda Lcr). Per Marquez, già grande protagonista di tutte e quattro le sessioni di prove libere, è la quinta pole position della stagione.

Marquez favorito, Rossi rincorre

Marquez è favorito, ma la gara è come sempre impronosticabile. Un dato tecnico invece è sicuro: la distanza fra la Ducati e le altre Case - così grande nel 2016 da portare alla doppietta Iannone-Dovizioso - si è ridotta sensibilmente. Sia Yamaha che Honda (o più precisamente Marquez) hanno corretto i difetti di dodici mesi fa e nel contempo la Rossa ha perso un po’ del vantaggio che aveva con le alette laterali. Questo complica ulteriormente la vita agli anti Marquez: se lo spagnolo dovesse vincere anche qui, completando un tris iniziato al Sachsenring e proseguito a Brno, il campionato potrebbe prendere una direzione ben chiara. Non definitiva ma quasi.

Incognita maltempo

Se domenica dovesse piovere alcuni piloti minacciano di non correre. Durante la Safety Commission di venerdì infatti è stato rilevato da molti rider che guidare sul bagnato è quasi impossibile. “In caso di pioggia valuteremo prima le condizioni del tracciato: venerdì non erano accettabili – ha detto Petrucci -. Che qualcuno non entri in pista? Può essere. Se la pista fosse rimasta bagnata venerdì non avremmo potuto forzare più di tanto”. Finora nel weekend la MotoGp ha corso in condizioni asciutte o semibagnate, e dunque la condizione di “full wet” è tutta da scoprire. Le tante cadute venerdì in Moto 2 hanno però allarmato i piloti della top class: “Dovesse piovere – ha detto Loris Capirossi, della race direction – daremmo ai piloti la chance di provare”. Ma la preoccupazione resta.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro dal Corriere della Sera

image beaconimage beaconimage beacon