Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Gli eterni perdenti dello sport

Logo di Signo Sport Signo Sport | Diapositiva 1 di 13: Lo sport talvolta consegna alla storia non solo i grandi vincitori, autori di imprese memorabili e capaci di riscrivere i libri dei record e gli almanacchi delle loro discipline di riferimento. Esistono infatti anche casi di sportivi andati talmente vicino al trionfo, mai raggiunto e solo sfiorato, da diventare ugualmente mitici. Questo è il caso ad esempio dell'Hombre vertical, conosciuto dai tifosi italiani soprattutto per aver perso lo scudetto del 2002 nel secondo tempo dell'ultima giornata, quando la sua Inter precipitò dal primo al terzo posto in classifica nel famoso 5 maggio. Per lui però anche sei finali perse su sei disputate da allenatore di Mallorca, Valencia e Aris Salonicco e da CT dell'Egitto. In più allenò il Parma che per la prima volta nella storia retrocesse dalla serie A alla serie B.

Héctor Cúper

Lo sport talvolta consegna alla storia non solo i grandi vincitori, autori di imprese memorabili e capaci di riscrivere i libri dei record e gli almanacchi delle loro discipline di riferimento. Esistono infatti anche casi di sportivi andati talmente vicino al trionfo, mai raggiunto e solo sfiorato, da diventare ugualmente mitici. Questo è il caso ad esempio dell'Hombre vertical, conosciuto dai tifosi italiani soprattutto per aver perso lo scudetto del 2002 nel secondo tempo dell'ultima giornata, quando la sua Inter precipitò dal primo al terzo posto in classifica nel famoso 5 maggio. Per lui però anche sei finali perse su sei disputate da allenatore di Mallorca, Valencia e Aris Salonicco e da CT dell'Egitto. In più allenò il Parma che per la prima volta nella storia retrocesse dalla serie A alla serie B.
© Reuters
image beaconimage beaconimage beacon