Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Inter, Ausilio boom: "Che flop! Tanti errori e gruppo spaccato"

Logo La Gazzetta dello Sport La Gazzetta dello Sport 19/05/2017 Gasport

Lo sfogo a un corso universitario, credendo che le frasi non potessero uscire. Conte, Allegri, Gabigol, giocatori, dirigenza. Il d.s. attacca e svela inaspettati retroscena societari
Il d.s. nerazzurro Piero Ausilio, 44 anni. © Fornito da La Gazzetta dello Sport Il d.s. nerazzurro Piero Ausilio, 44 anni. Piero Ausilio boom. Intervenuto a un corso di perfezionamento in Diritto Sportivo presso l’Università degli Studi di Milano, il direttore sportivo dell’Inter, come ricostruisce Luca Taidelli sulla Gazzetta di oggi, ha sparato a zero su squadra e società. A quanto pare credeva che fosse un incontro privato. Ma l'audio della chiacchierata è finito a Calciomercato.com...

ERRORI — "Abbiamo fatto tantissimi errori", ha detto Ausilio per commentare il progetto nerazzurro, "c’era un allenatore che aveva iniziato la preparazione e poi a una settimana dall’inizio della stagione, per mille motivi, si decide di mandarlo via o se ne è andato lui. E così siamo andati su un tecnico che non conosceva il calcio italiano. L’Inter ha programmato male, abbiamo cambiato 4 allenatori, arriveremo settimi o ottavi".

LAVORO — Duro anche sullo spogliatoio nerazzurro: "Ad Appiano manca il senso di solidarietà, non sono riusciti a creare il gruppo per questioni di etnia, di età, ma anche di personalità e valori umani".

ALLENATORE — Sorprendente anche il capitolo allenatore, con Ausilio che di fatto fa capire che l’Inter potrebbe provarci anche con Allegri. Con la Juve a caccia del triplete, la notizia non doveva uscire. Ma il nuovo responsabile tecnico di Suning, Sabatini, stava valutando anche la candidatura dell’attuale allenatore bianconero.

PROSPETTIVE — "Noi oggi abbiamo una proprietà forte, solida. Che potrebbe tranquillamente comprare i giocatori più famosi tipo Cristiano Ronaldo, ma la verità è che non possiamo farlo perché c’è il fairplay finanziario. Bisogna puntare sui giovani. Gabigol? No quello è qualcosa di diverso, ma non posso spiegarlo".

Zhang Jr: "Tifosi..."
Mercato Inter

Altro su MSN:
L'Inter prova il colpo: vendere Perisic e prendere Di Maria

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Gazzetta dello Sport

image beaconimage beaconimage beacon