Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Ultime notizie dal mondo dello sport

Neymar vuole tornare al Barcellona: "Il Psg è senza progetti"

Logo Repubblica Sport Repubblica Sport 11/01/2019
Neymar © Fornito da La Repubblica Neymar

BARCELLONA -  Neymar in versione figliol prodigo? Il talento brasiliano ha talmente tanta voglia di tornare al Barcellona, in cui ha militato, esplodendo a livello mondiale, dal 2013 al 2017, da aver chiamato il club blaugrana ben cinque volte pur di lasciare il Paris Saint Germain. A riferirlo è il quotidiano spagnolo 'El Mundo', secondo il quale la stella verdeoro intende lasciare la capitale francese per ritrovare l'affetto del Camp Nou e i contatti tra l'entourage del giocatore e la società catalana sono avvenuti negli ultimi mesi.

NEYMAR "PENTITO" VUOLE TORNARE A BARCELLONA - Il padre dell'attaccante brasiliano ha assicurato personalmente al presidente Josep Maria Bartomeu e ai dirigenti del club che Neymar "si è pentito" di aver lasciato il Barcellona e che il Paris Saint Germain "è sprovvisto di un progetto sportivo". Le fonti citate dal quotidiano spagnolo sono state descritte come "molto vicine a queste trattative". "I primi contatti sono avvenuti durante l'ultima parte della scorsa stagione e sono continuati in date molto recenti", riferisce 'El Mundo'. "Le stesse fonti sostengono che in tutte le chiamate effettuate, il padre e rappresentante del calciatore ha detto che suo figlio 'ha sbagliato a firmare per il PSG' durante l'estate del 2017". Secondo le fonti citate da El Mundo, il padre di Neymar ha detto che l'attaccante "è deluso e molto dispiaciuto" e ha criticato apertamente "la mancanza di progetti sportivi" del Paris Saint Germain, squadra allenata dal tecnico tedesco Thomas Tuchel. Nell'estate del 2017, il club francese ha pagato la clausola rescissoria del contratto di Neymar, pari a 222 milioni di euro, concludendo un accordo con il giocatore da circa 40 milioni di euro netti l'anno fino al 2022. Tra l'attaccante e il club blaugrana sussiste tuttora una controversia legale. Il Barcellona ha sporto querela nei confronti del brasiliano per inadempimenti contrattuali, mentre il giocatore ha fatto causa al club per non aver ricevuto 26 milioni di euro di premi dovuti a seguito del rinnovo contrattuale. Il 31 gennaio è prevista la prossima udienza del caso presso il Tribunale di prima istanza di Barcellona.

COPPA DEL RE: SENZA LE STELLE BARÇA KO CON LEVANTE - Sorpresa allo 'Estadio Ciutat de Valencia' dove il Levante, squadra di mezza classifica nella Liga, ha sconfitto il Barcellona 2-1 nell'andata degli ottavi di Coppa del Re. Pur senza i suoi assi (Messi e Luis Suarez nemmeno in panchina, dei titolari erano presenti solo Busquets, Dembelè e Vidal) i blaugrana sono andati incontro a una figuraccia che, senza la rete nel finale del brasiliano Coutinho, sarebbe stata ancora più pesante e che comunque non pregiudica il ritorno. Avvio micidiale dei padroni di casa, che trovano le due reti nei primi 18 minuti: al 4′ incornata vincente di Cabaco su una punizione dalla sinistra, poi il raddoppio dell'ex Real Borja Mayoral che, sull'invenzione di Boateng, resiste al ritorno di Murillo e incrocia di destro sul palo più lontano. Nel finale Coke stende Denis Suarez in area, l'arbitro indica il dischetto e Coutinho non sbaglia, lasciando la sfida aperta in vista del ritorno al Camp Nou fra una settimana. Negli altri due match della giornata il Siviglia prenota i quarti grazie al 3-1 al San Mames contro l'Athletic Bilbao: per i prossimi avversari della Lazio in Europa League sono andati a segno Nolito (6′ pt), Silva (8′ st) e Ben Yedder (32′ st), dopo il momentaneo pareggio di San Josè (4′ st). Infine, pareggio a reti bianche tra Betis e Real Sociedad.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica Sport

image beaconimage beaconimage beacon