Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Gorizia e il radicchio: otto appuntamenti con la Rosa più squisita

Logo Tgcom24 Tgcom24 14/01/2020 Redazione Tgcom24
Gorizia e il radicchio: otto appuntamenti con la Rosa più squisita © Ufficio stampa Gorizia e il radicchio: otto appuntamenti con la Rosa più squisita

Gorizia, oltre ai  deliziosi vini del Collio, custodisce nelle sue campagne una delizia che unisce un sapore inconfondibile a una bellezza clamorosa, la Rosa di Gorizia, un radicchio raro e prezioso, dal sapore inimitabile, cui è dedicata una rassegna gastronomica dal 17 gennaio al 6 febbraio. Il raro ortaggio, assurto ormai da tempo nel gotha internazionale dei gourmet sarà offerto in molteplici variazioni e abbinamenti in otto ristoranti cittadini. 

Un ortaggio "difficile", che fiorisce in pieno inverno, meglio se dopo qualche gelata o tra i fiocchi di neve portati dalla bora che in queste zone soffia forte. Ma la difficoltà di coltivazione viene compensata con un prodotto che oltre al sapore ha un aspetto fantastico: una bellissima rosa.

Dodici piccoli produttori – Il suo aspetto è quello di una rosa intinta nel carminio: la sua lavorazione è frutto di un’esperienza tramandata da secoli di incroci e tentativi che alcuni eroici produttori goriziani riescono a produrre in terreni scarni e glabri, a poche centinaia di metri da quello che era il confine con la Slovenia, sotto le alture del Carso, accanto al Collio, e in prossimità del freddo Isonzo, il fiume –dicono- più azzurro d’Italia.

Mesi e mesi di cure amorevoli – I produttori della Rosa di Gorizia hanno selezionato un ceppo di radicchio rosso, diverso da quello trevigiano: ha un sapore più vicino al dolce che all’amaro, gradevolissimo, croccante e sostanzioso, tanto che i vecchi goriziani lo mangiavano con un uovo sodo come primo piatto, ancora più gustoso se servito con i “ciccioli” quadrini di pancetta cotti in padella. Il prodotto, che ha un cugino altrettanto straordinario “ Il radicchio Canarino” è diventato un must della cucina italiana e ha incuriosito prestigiosi chef internazionali, che hanno inserito la Rosa di Gorizia nel loro menù.

Otto ristoratori in lizza – Alcuni dei migliori goriziani hanno organizzato una serie di appuntamenti con la Rosa con questo calendario: venerdì 17 gennaio, a cena: Agriturismo Brumat; sabato 18 gennaio, cena: trattoria Al Ponte del Calvario; domenica 19 gennaio, pranzo: nella trattoria Alla Luna; giovedì 23 gennaio, cena  al  ristorante Rosenbar; venerdì 24 gennaio, cena: trattoria Gostilna Primozic; sabato 25 gennaio, pranzo all' osteria Ca' di Pieri; venerdì 31 gennaio, cena: trattoria Turri; giovedì 6 febbraio, cena all' Antica Osteria Al Sabotino.

Per maggiori informazioni: www.larosadigorizia.com

Questa funzionalità non è supportata dalla versione del browser in uso. Ti consigliamo di installare la versione più recente di Internet Explorer per usare la funzionalità.
Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da TGCOM24

image beaconimage beaconimage beacon