Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

I Giardini del Gran Paradiso per escursioni romantiche

Logo Turismo.it Turismo.it 19/09/2018 F. G.

Risale al 1955 la fondazione di Paradisia, il giardino alpino di una piccola frazione di Cogne. Qui le coppie di innamorati sapranno appassionarsi alla natura più autentica grazie ai 10 mila metri quadrati di conche e avvallamenti  incorniciati dal massiccio del Gran Paradiso. Si possono ammirare oltre 1.000 specie di piante e fiori di Alpi e Appennini, numerosi esemplari di piante officinali, esempi della flora di altri gruppi montuosi di tutto il mondo e di varie specie vegetali che vivono negli ambienti più diversi, come le zone umide, le morene, i detriti calcarei, ricostruiti qui affinché tutti potessero ammirarli.

Panorama di montagna in estate © iStockphoto Panorama di montagna in estate

Leggi anche: Valle d'Aosta: 5 buoni motivi per scoprire Paradisia

Particolarmente suggestivo il Giardino della Farfalle, un’area immersa nell’angolo di fiori più colorati dove si riuniscono centinaia di lepidotteri dai colori più  belli attratti dalle particolari specie di fiori. Diverse sono le iniziative che vengono organizzate all’interno del giardino tra cui incontri con l’entomologo, workshop di acquerello, stage di fotografia e attività più disparate come i percorsi a piedi nudi (barefoot) e interessanti animazioni per osservare e conoscere la natura da un nuovo punto di vista. L’esperienza del barefoot è perfetta da vivere in due, percorrendo a piedi nudi i vialetti del Giardino Botanico per riscoprire il contatto diretto con la terra e avvicinarsi con i sensi ai fiori del giardino. Sull’altro versante del Parco, e più precisamente in Val Soana, si trova invece il Centro visitatori L’Uomo e i coltivi, inaugurato lo scorso anno: qui i visitatori possono conoscere gli aspetti agricolo-paesaggistici che caratterizzano il territorio, le produzioni agricole tradizionali, le tecniche antiche e anche quelle contemporanee, imparando a decifrare il ruolo che l’uomo riveste nel processo di utilizzo dell’ambiente naturale.

Interessante è notare come il moderno Centro Visitatori è stato realizzato con materiali e pratiche a basso impatto ambientale. Attività didattiche, escursioni, incontri scientifici e dimostrazioni sulla lavorazione e sull’utilizzo della canapa è in programma il 22 settembre per la Festa della Canapa, mentre il 29 c’è la raccolta del grano saraceno dove si partecipa insieme ai coltivatori della valle al taglio e alla raccolta di questo cereale tipico. A conclusione di questa immersione totale tra natura e tradizioni del Gran Paradiso non possono mancare i momenti dedicati ai sapori tradizionali: da non perdere la degustazione del pane nero preparato con la segale lavorata e cotta nel caratteristico forno a legna per trasformarsi in delizioso pane da gustare con miele ed altre specialità regionali. 

Questa funzionalità non è supportata dalla versione del browser in uso. Ti consigliamo di installare la versione più recente di Internet Explorer per usare la funzionalità.
Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Turismo.it

image beaconimage beaconimage beacon