Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Nuovo bike sharing Milano

Logo Lettera 43 Lettera 43 03/10/2017
Bicicletta 150820164859: A Milano 7 ciclisti su 10 sono stati derubati almeno una volta. © Fornito da News 3.0 S.P.A. A Milano 7 ciclisti su 10 sono stati derubati almeno una volta.

Le proposte per facilitare la mobilità e garantire servizi di trasporto continuano a crescere giorno dopo giorno. Dopo la nascita di numerose attività per condividere una macchina o un autobus e fare viaggi in compagnia, ora è la volta del bike sharing, per prendere in prestito biciclette direttamente in loco e visitare le località o le parti della città più belle. Dalla fine di agosto anche Milano si è messa al passo coi tempi, inaugurando il primo servizio di bike sharing free floating.

Come funziona il bike sharing

Dopo il bando dello scorso giugno, Milano ha finalmente deciso a chi affidare la gestione del servizio di bike sharing e si è attivata per avviare un’interessante iniziativa: da poche settimane sono stati istituiti lotti davanti al Castello Sforzesco e alla stazione Cadorna. A garantire il corretto funzionamento del servizio saranno Mobike, che ha già messo a disposizione ottomila biciclette, e Ofo, che invece ne ha offerte quattromila.

Le biciclette potranno essere prenotate attraverso l’applicazione apposita. Dopo l’utilizzo i veicoli si possono lasciare dove si preferisce senza pagare nulla, purché non si parcheggi in una zona con sosta vietata o qualche altro divieto. L’applicazione verifica la disponibilità di biciclette e guida il turista ad uno dei tanti punti di sosta. Nel giro di pochi mesi dovrebbero aumentare sia le bici che le postazioni di sosta a disposizione.

Il progetto più prossimo alla realizzazione e attinente all’iniziativa riguarda la creazione di quattrocento postazioni dedicate interamente alle bici in condivisione a flusso libero, per favorire la fruizione di questo servizio davvero pratico e conveniente. Attualmente si stanno valutando varie possibilità, per capire in quali zone le postazioni potrebbero essere più utili. In questi giorni il Comune si è espresso in merito alla questione, dichiarandosi molto soddisfatto dei risultati già ottenuti, appellandosi al senso civico dei cittadini o dei turisti e chiedendo di parcheggiare le biciclette dove non costituiscono intralcio alla circolazione veicolare e pedonale.

Questa funzionalità non è supportata dalla versione del browser in uso. Ti consigliamo di installare la versione più recente di Internet Explorer per usare la funzionalità.
Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Lettera 43

image beaconimage beaconimage beacon