Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Spiagge del Mediterraneo: le magnifiche sette

Logo Tgcom24 Tgcom24 14 ore fa Redazione Tgcom24
Spiagge del Mediterraneo: le magnifiche sette © ente-del-turismo Spiagge del Mediterraneo: le magnifiche sette

È tempo di mare, di stendersi al sole, tuffarsi in acque cristalline e ricaricare le batterie. Con l’arrivo dell’estate è arrivato il momento di scegliere la prossima destinazione e decidere dove immergere le dita nella sabbia. E il Mediterraneo offre così tante e diverse possibilità, che risulta difficile scegliere. Ma queste sette spiagge...

Meglio un luogo ricco di natura o quello che offre anche approdi culturali? Vacanza attiva tra immersioni, sport acquatici e tuffi oppure relax totale? Per venire incontro ai più indecisi, Volagratis.com ha selezionato le migliori spiagge europee bagnate dal Mediterraneo, dall’Italia alla Croazia, passando per Grecia e Spagna. Ecco le migliori otto.

Cala Brandinchi, (Costa Smeralda, Italia) - Cala Brandinchi si trova nel comune di San Teodoro, non distante da Olbia, tra le penisole di Capo Coda Cavallo e Puntaldia. Una volta arrivati, però, sembrerà di essere giunti in Polinesia o su un’isola del Pacifico. Per la sua spiaggia candida, il mare cristallino e la vegetazione che la circonda è nota anche come “la piccola Tahiti”: un vero e proprio paradiso del Mar Tirreno. La biodiversità della zona regala splendide esperienze a tutti gli appassionati di snorkeling, ma la cala è perfetta anche per chi vuole arricchire il proprio viaggio con un po’ di storia: da qui, il 17 ottobre 1867, Giuseppe Garibaldi, in fuga dall’isola di Caprera, si imbarcò per raggiungere Piombino e poi liberare Roma.

Baia delle Zagare, (Gargano, Italia) - Quasi tutte le spiagge del Gargano sono caratterizzate da candide falesie a strapiombo sul mare, spiaggia chiara e acqua cristallina. La Baia delle Zagare, che prende il nome dai fiori degli agrumeti della zona, però, regala un qualcosa in più: due faraglioni conosciuti come “Arco di Diomede” e “Le Forbici” che si innalzano dal mare a pochi metri dalla riva. La baia, che viene chiamata anche Baia dei Mergoli per i numerosi merli che la abitano, è accessibile grazie a un ascensore scavato nella roccia o ai sentieri che si snodano tra la macchia mediterranea. La zona delle grotte marine del Gargano, scavate dalla forza del mare nelle rocce calcaree, è il luogo perfetto per appassionati di immersioni e snorkeling.

Spiaggia di Navagio (Zante, Grecia) - Sabbia bianca, mare dalle mille sfumature di blu e candide scogliere: la spiaggia di Navagio, sull’isola di Zante, in Grecia, è nota anche come “spiaggia del relitto” per i resti della motonave Panagiotis che qui si arenò nel 1980. La spiaggia è famosa anche per le vicine sorgenti termali, che regalano acqua più calda rispetto al normale, e alla passerella panoramica che si trova sul promontorio e permette di ammirarla dall’alto.

Spiaggia di Voidokilia (Peloponneso, Grecia) - La spiaggia di Voidokilia non è famosa solo per la sua sabbia fine e, ma anche e soprattutto per la sua forma a “omega” che si può notare perfettamente dall’alto. Si trova nella regione del Peloponneso ed è circondata da testimonianze storiche importantissime, come le antiche rovine del castello di Pylos, e altri luoghi legati a doppio filo con la mitologia, come la tomba di Trasimede, che secondo la leggenda partecipò alla guerra di Troia, e la Grotta di Nestore, dove si dice che Ermes nascose la mandria rubata al fratello Apollo.

Spiaggia Ses Illetes, (Formentera, Spagna) - La Playa Ses Illetes (“spiaggia delle piccole isole”, in italiano) a Formentera deve la sua fama alla sua posizione: si trova su una striscia di terra di pochi metri ed è bagnata dal Mediterraneo su entrambi i lati. Prende il nome dagli isolotti che circondano la baia e fa parte di un’area naturalistica, quella di Los Salines, che vanta alcune delle spiagge più belle d’Europa. Grazie ai fondali ricchi di pesci che si riparano tra la poseidonia, è il luogo perfetto per ammirare da vicino la biodiversità delle Baleari. Il vento, invece, la rende una delle mete ideali per chi pratica surf o windsurf e vuole mantenersi attivo cavalcandole onde.

Spiaggia di Punta Kamenjak, (Istria, Croazia) - Parte dell’omonimo Parco Naturale dell’Istria croata, Punta Kamenjak è caratterizzata da spiagge di piccoli sassi e scogli, come quasi tutte quelle di quest’area, ma è proprio la morfologia di questo territorio a rendere la zona una delle più belle del Paese. L’acqua ha scavato le rocce tenere per secoli, creando grotte e insenature che aspettano solo di essere esplorate, basta non dimenticare a casa maschera e boccaglio. In alcuni punti le baie sono così strette da regalare piccole piscine naturali abbracciate dagli scogli, in altre le rocce e i fondali profondi sono il mix perfetto per chi ama i tuffi. Un luogo dove mantenersi attivi in ogni modo e a contatto con la natura.

Spiaggia di Zlatni Rat, (Isola di Brac, Croazia) - Zlatni Rat, sull’isola di Brac, in Croazia, è noto in italiano come “Corno d’Oro” e vista la sua forma non è difficile immaginarne il motivo: una lingua di sabbia che si estende verso l’Adriatico per quasi 500 metri. Questa spiaggia ha una caratteristica molto particolare: cambia forma continuamente. La lingua che emerge dall’acqua, infatti, sembra spostarsi di giorno in giorno verso destra o verso sinistra a seconda delle maree e del vento che muovono la sabbia. Non solo, la marea non si limita a spostare la sabbia, ma porta anche a riva gusci vuoti di lumache di mare, noti nella zona come sassi della fortuna: si dice che trovarli sia sinonimo di buona sorte.

Questa funzionalità non è supportata dalla versione del browser in uso. Ti consigliamo di installare la versione più recente di Internet Explorer per usare la funzionalità.
Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da TGCOM24

image beaconimage beaconimage beacon