Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Vuoi essere felice? Affitta un finlandese. Il Paese nordico insegna come ritrovare la calma interiore: bastano tre giorni

Logo La Repubblica La Repubblica 16/04/2019 di MARCELLO GELARDINI
© Fornito da La Repubblica

Il segreto della felicità? Vivere a stretto contatto, quasi in simbiosi, con la natura. Il popolo che riesce a metterlo in pratica al meglio? I finlandesi. Almeno è questo quello che dicono le statistiche. Per il secondo anno consecutivo, infatti, il Paese nordeuropeo svetta nel World Happiness Report – il Rapporto Mondiale sulla Felicità – la classifica (elaborata dal Sustainable Development Solutions Network, organizzazione impegnata nello sviluppo sostenibile) con cui le Nazioni Unite comparano gli stati in base al livello di benessere percepito dai propri cittadini, incoronando il più virtuoso. Per fare una proporzione: l'Italia è solo 36esima (e dodici mesi fa era addirittura 47esima). Ma qual è la ricetta vincente della gente di Finlandia? Non lasciarsi dominare dallo stress immergendosi, appena possibile, nell'ambiente. Lo chiamano 'slow living'. Facile a dirsi, molto più complicato da realizzare. Ma se fossero direttamente gli abitanti del posto a spiegarci come fare? È partendo proprio da questa intuizione che Visit Finland – l'Ente del Turismo finlandese – ha lanciato l'iniziativa “Rent a Finn”, letteralmente “Affitta un finlandese”.

 

Sembra una provocazione. Invece è tutto vero. È solo l'ultima trovata ideata in tempi recenti dai Paesi del Nord Europa per promuovere le loro bellezze (quasi sempre naturalistiche). Una cosa abbastanza simile l'aveva fatta anche la Svezia, mettendo ‘in affitto’ l'intera nazione. Lì si parlava dell’Allemansrätt, un’antica legge che permette di campeggiare ovunque senza il timore di essere allontanati, persino se ci si trova in una proprietà privata (basta essere educati e rispettare l’ecosistema). Stavolta, invece, sono le singole persone a prendere per mano i turisti stranieri (italiani compresi) per accompagnarli in una vacanza in puro stile finnish, come se la stessero facendo loro. Tutto secondo copione: dalle escursioni nelle foreste alle notti in tenda nei boschi, dalle battute di pesca in barca alle passeggiate per raccogliere frutti e bacche, senza dimenticare l'immancabile sauna. Per concretizzare il progetto, nelle scorse settimane Visit Finland ha selezionato - all'interno di una rosa di oltre cento pretendenti - dieci 'Happiness Guide', le 'guide della felicità': cittadini comuni (ci sono pure due coppie) che rappresentano le varie anime che compongono la società finlandese e i luoghi più significativi del Paese. E che hanno manifestato più di altri la voglia di farsi 'noleggiare' come host per mostrare attivamente la strada per la felicità.  

 

Ma chi sono questi ambasciatori del sorriso? Sono quelli secondo gli organizzatori incarnano al meglio il motto dell’iniziativa: “Quando gli altri vanno in terapia, i finlandesi indossano un paio di stivali e si avventurano nel bosco”. Come Petri, un fisioterapista che abita nel piccolo villaggio sud-occidentale di Mathildedal, vicino al Mar Baltico: assieme a lui si potrà godere della semplicità di un tuffo nella natura, respirando l’aria incontaminata, ascoltando solo il silenzio e dormendo, se il tempo lo consentirà, in una tenda nel cuore di un parco nazionale. Poco distante, ma direttamente in mezzo al mare, vivono Linda e Niko: due ragazzi provenienti dalla città che hanno deciso di trasferirsi a Utö, l’isola più meridionale della Finlandia (ancora sul Baltico); la loro specialità sono le gite in barca a vela alla volta delle isole Åland. Sempre nel sud del Paese vi aspetta Timo, un lappone che risiede nella città di Hämeenlinna: nel suo caso, il legame con la natura fa parte del lavoro quotidiano, visto che gestisce musei e mostre per il National Parks and Wildlife Service Finland (ente che amministra i parchi nazionali); con lui si andrà alla scoperta del lago Saimaa (sud-est del Paese) - definito dallo stesso Timo un “tesoro sconosciuto” - alloggiando nella sua spaziosa barca.

 

Di tenore opposto la storia di Hanna, professionista del marketing specializzata nei viaggi d’affari, che vive nella regione metropolitana della Finlandia Meridionale ma che appena può scappa in direzione dei laghi (in estate) o delle piste da sci (d’inverno); nel programma che ha preparato per i suoi ospiti non può mancare una visita a casa di sua nonna, a Ansalahti, nei pressi del lago Lahnajärvi (a due ore di macchina da Helsinki), per osservare uno spaccato delle tradizioni locali. Nella capitale, anche se non sembra, abita Katja, studentessa di servizi sociali e insegnante di Yoga: lei, infatti, quando è in città vive nel quartiere di Käpylä (circondato dalla natura e caratterizzato dalle tipiche casette in legno di cui è piena la Scandinavia); in più, seguendola nel cottage estivo che condivide con il suo ragazzo – nella vicina area naturale di Kivinokka, sul mare ma a poche fermate di treno dal centro di Helsinki – ci si accorgerà di quanto è facile per i finlandesi trovare un habitat incontaminato anche a due passi dal luogo teoricamente più caotico del Paese.

 

Particolare è la storia di Juho: è nato e cresciuto in Giappone ma oggi la sua residenza è a Kirkkonummi, sempre nell'area metropolitana di Helsinki, dove lavora nel settore dei media digitali e della tecnologia sanitaria. E lo stile di vita finlandese gli è ormai entrato nel DNA. Le sue mete preferite? Il Parco nazionale di Nuuksio e la penisola di Porkkala. Posti ideali per praticare le sue due passioni: il trekking e il kayak (in cui coinvolgerà sicuramente anche i suoi ospiti). Più o meno simile la proposta di Laura e Joni, coppia di fidanzati che ha nelle escursioni in bici (o a piedi) e nel nuoto i propri passatempi, le “fonti inesauribili della loro energia”. A cambiare è la location: siamo a Sodankylä, nella Lapponia settentrionale. Infine il vero asso nella manica: un sindaco. Ma non un primo cittadino qualsiasi: Esko, infatti, è il sindaco di Rovaniemi (sul Circolo Polare Artico); da tutti conosciuto come il paese di Babbo natale. Qui, però, non incontrerete Santa Claus ma proverete quanto sia appagante un’assolata giornata estiva trascorsa in totale relax, raccogliendo frutti di bosco, facendo il barbecue, andando in barca a remi, riscaldando la sauna, giocando a freccette o a Mölkky (il tipico gioco da giardino finlandese).

 

Come visto, tutta gente di estrazione sociale, provenienza, età, interessi differenti. Il tratto che li accomuna? Essere persone normalissime, ma con il vantaggio di far parte della popolazione più felice del Pianeta. Sul sito ufficiale di 'Rent a Finn' si potranno consultare le schede e i video di presentazione che illustrano la loro personalità, le caratteristiche della vacanza, le principali attività che si andranno a fare assieme alla guida in affitto, il numero di persone accolte, il tipo di sistemazione (casa, barca, albergo, ecc.) e il periodo – tra giugno e agosto 2019 - in cui verranno ospitati i turisti che avranno il privilegio di partecipare all'esperimento. Perché non tutti riusciranno a vivere questa espressione massima di turismo esperienziale, trend così in voga in questo momento nel mondo dei viaggi. Candidarsi è semplice: basterà compilare il modulo online presente sul portale e allegarvi un breve video - in lingua inglese (requisito fondamentale, per ragioni di comunicabilità con l'host) - in cui ci si racconta, indicando i motivi che spingono a voler fare un'esperienza del genere, le persone che intendono partire (massimo quattro) ma soprattutto l'importanza che la natura riveste nella propria vita.

 

Pochi elementi in base ai quali l'ente del turismo finlandese sceglierà i vincitori e li assegnerà alle guide ritenute più affini. Per farlo ci sarà tempo fino al 21 aprile 2019. Il premio? Un soggiorno di tre giorni, gentilmente offerto dalla Finlandia (spese di trasporto comprese) nonché la chance di capire da vicino come raggiungere la felicità e la calma interiore. Un'occasione da non perdere, specie nel 2019, anno che nel nostro Paese è stato votato al turismo 'lento'. Potrebbe essere un indizio. Che non tocchi a un italiano affittare un finlandese? Il fortunato, già per questo, sarebbe felice. Nel frattempo, per tutti quanti, ci sarà la possibilità di cimentarsi con un questionario – il 'Life Balance Test' (scaricabile sempre dal sito), elaborato da Hinsta Performance, azienda finlandese di coaching specializzata nell’ottimizzazione delle prestazioni individuali – che misurerà il livello del proprio equilibrio psico-fisico, elencando alcuni consigli per ridurre lo stress. Un buon inizio, anche per chi non ce la farà ad 'affittare' un finlandese.

Questa funzionalità non è supportata dalla versione del browser in uso. Ti consigliamo di installare la versione più recente di Internet Explorer per usare la funzionalità.
Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon