Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Bocciopoli, vince la partita con l'inganno: condannato a 30 giorni

Voleva vincere la semifinale del torneo di bocce a ogni costo. Per questo un giocatore 56enne di Appignano, provincia di Macerata, si sarebbe finto componente della federazione italiana e avrebbe chiamato il team avversario per avvisarli che la gara sarebbe slittata di 30 minuti. Partita vinta a tavolino, perché la squadra rivale non si è presentata: ma la vittoria è stata pagata a caro prezzo. Il tribunale di Macerata ha condannato l'uomo a 30 giorni di carcere per sostituzione di persona

Video di oggi

image beaconimage beaconimage beacon