Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.
SUCCESSIVO
Scontro tra Ferrari e Porsche: danni per 100mila euro (e i guidatori scappano)

Filippine, l'isola di Boracay chiude per troppa sporcizia

Il paradiso chiude. Rodrigo Duterte, controverso presidente sceriffo delle Filippine dice basta al turismo devastatore su di una delle località più belle del paese, l'isola di Boracay. I giorni del turismo incontrollato e dei relativi accumuli di spazzatura e plastica sembrano finiti. Mentre le autorità thailandesi annunciavano a febbraio la chiusura "per ripristino ambientale" della spiaggia Maya bay su Phi Phi island, resa celebre dal film "L'isola" con Leonardo Di Caprio, anche la presidenza filippina ha deciso di chiudere Boracay, perla del suo arcipelago di 7000 isole con oltre un milione di presenze l'anno. Centinaia di volontari hanno preso a pulie le spiagge deturpate da turisti poco scrupolosi e per molti amanti del surf adesso queste località sono destinate a diventare off limit. Almeno fino a nuovo ordine.

Video di oggi

image beaconimage beaconimage beacon