George Clooney "arrestato" per proteste contro violenze in Sudan

L'attore George Clooney è stato arrestato a Washington di fronte all'ambasciata del Sudan durante un sit-in di protesta per i "crimini di guerra" commessi nel Paese. Si è trattato in realtà di un atto formale: come si vede nelle immagini l'attore, sorridente, è stato ammanettato dagli agenti, che avevano appena arrestato altri due uomini e fatto salire su un furgone della polizia. Clooney e altri attivisti, infatti, avevano organizzato un atto di "disobbedienza civile", allo scopo di portare alla luce il blocco degli aiuti umanitari in Sudan, con 'l'occupazione del suolo di proprietà dell'ambasciata. Di fatto una "photo opportunity" per una buona causa, che si è conclusa, come previsto, sul cellulare delle forze dell'ordine.

Video di oggi