Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Macron a Trump: "Nessun piano B sul nucleare iraniano"

Alla vigilia di una visita di Stato di tre giorni negli Stati Uniti, a partire da questo lunedì, Il presidente francese Emmanuel Macron invita il collega statunitense Donald Trump, a rispettare l'accordo nucleare iraniano. Il ministro degli esteri dell'Iran, Mohamad Javad Zarif, ha intanto lanciato un avvertimento: se Washington si ritira dall'accordo sul nucleare, Teheran minaccia di riavviare la produzione di uranio a scopo militare e quindi - parole di Zarif ai giornalisti - dovrà "affrontare le conseguenze" che non saranno "piacevoli". Già nell'autunno scorso, Trump aveva sollevato dubbi sulla bontà dell'accordo iraniano, minacciando di ritirarsi dallo stesso. In un'intervista al canale Fox News, in onda questa domenica, il Presidente Macron ha dichiarato: " Per il nucleare, cosa hai come opzione migliore? Io non la vedo. Qual è lo scenario? E qual è il piano B? Non ho un piano B per il nucleare contro l'Iran. è una cosa di cui discuteremo, ma quello che voglio dire sul nucleare, è: preserviamo questo accordo, perché è meglio di una sorta di situazione di tipo nord-coreano ". L'accordo sul nucleare iraniano risale al 2 aprile 2015 , a Losanna (Svizzera), alla presenza - tra gli altri - dell'alto commissario per gli Affari Esteri dell'Unione Europea, Federica Mogherini, dell'allora Segretario di Stato americano John Kerry, dello stesso Javad Zarif e dei membri permanenti del consiglio di sicurezza dell'Onu (più la Germania). L'accordo sul nucleare iraniano venne, poi, approvato dal Parlamento di Teheran nel luglio del 2015.
image beaconimage beaconimage beacon