Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Teatro San Carlo di Napoli, Bocelli a una ragazza di Scampia: "Spero di cantare presto con te"

Teatro San Carlo, Carmela 16 anni di Scampia, trova il coraggio e prende la parola: "Maestro Bocelli, lei ci parla di bellezza. Ma cosa consiglia per superare la bruttezza del mio quartiere?". Andrea Bocelli le risponde durant eun incontro nel Massimo con 700 studenti delle scuole superiori campane. "Con la musica stiamo risollevando un po’ il volto di Scampia - dice Carmela che frequenta il liceo Vittorini, suona il sax contralto e si emoziona un po’ - ma è sempre così complicato superare la cattiveria. Cosa consiglia per superare questa bruttezza?". Bocelli ringrazia per la domanda: "Il bene sta al male come costruire sta al distruggere. Distruggere è facile, e costruire è molto difficile. Ma il male nonostante il chiasso che fa, non vince sul bene. Coloro che lavorano silenziosamente per il bene, per portare luce in questo mondo, quelli che combattono il male, sono tanti, la mattina si alzano per andare a lavorare, nessuno li premia ma noi siamo qui grazie a loro". Poi Bocelli si rivolge direttamente a Carmela: "E siccome tu mi sembri un esempio pratico fortissimo di questo, ti invito, se vorrai a venirmi a trovare, voglio ascoltarti cantare con l’augurio di cantare con te prestissimo". Ilaria Urbani

SUCCESSIVO

SUCCESSIVO

Altro da RepubblicaTV

Altro da RepubblicaTV

image beaconimage beaconimage beacon