Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Zimbabwe: scontri e violazioni dei diritti civili

È trascorso un anno dal passaggio di consegne ma - finita l'era Mugabe - lo Zimbabwe è un Paese tutt'altro che pacificato. Le Nazioni Unite e le organizzazioni per i diritti umani denunciano l'uso eccessivo della forza da parte del governo del presidente Emmerson Mnangagwa per reprimere le proteste in corso contro il carovita e l'aumento dei prezzi del carburante. Il governo ha anche imposto ai principali server del Paese di staccare la connessione Internet. Le rivolte - divampate il 14 gennaio scorso - sono sfociate in centinaia di feriti e in almeno 10 morti. Nei giorni scorsi agenti armati di kalashnikov hanno prelevato da casa e arrestato il pastore Evan Mawarire - tra i leader delle manifestazioni contro l'ex dittatore Mugabe - accusato di aver dato il via alle proteste di piazza.
image beaconimage beaconimage beacon