Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.
SUCCESSIVO
Negano minuto di silenzio per Barcellona: nuotatore reagisce

Evento Tech Care: il bastone Alfred è l’idea vincente

SPECIALE TECH CARE: dalla cura al prendersi cura Alla fine è stato il bastone Alfred ad avere la meglio tra le idee proposte dai cinque tavoli di lavoro di Tech Care, il bootcamp voluto da Sanofi Genzyme che si è svolto a Genova il 22 settembre nello spazio messo a disposizione Talent Garden. Cinque squadre, composte da startupper, inventori, ingegneri, medici, pazienti e caregiver, tutti insieme per trovare l'idea giusta per aiutare chi ha la sclerosi multipla a superare le difficoltà che incontra nella vita quotidiana. L'idea premiata dalla giuria è quella di Alfred, un bastone-deambulatore tecnologico capace di dialogare con lo smartphone: dà indicazioni meteo e stradali, ricorda i farmaci da prendere, ha un tasto che manda direttamente un messaggio a un familiare in caso di emergenza, indicando il posto fisico dove si trova attraverso la geolocalizzazione. È binocolare, quindi può essere chiuso e riposto in una borsa, è solido e sicuro ed è in grado di stare in piedi da solo. Al team vincitore una serie di servizi erogati da Talent Garden e la possibilità per gli startupper di partecipare alla Maker Faire di Roma, evento sull’innovazione in programma dal 14 al 16 ottobre. Tra le altre idee presentate, il weareble hi-tech che misura il battito cardiaco, monitora lo stile di vita, l’ingerimento di liquidi e la dieta alimentare, prevenendo le incontinenze urinarie, oltre a geolocalizzare i servizi igienici pubblici più vicini, idonei ad ospitare un disabile. C’è poi l’app che si concentra sulle barriere architettoniche, che seleziona le strutture turistiche e mediche nel mondo attente alla disabilità. C’è la feature da integrare in Google Maps che permette alle persone con sclerosi multipla di scegliere il percorso a piedi più accessibile e di condividerlo con potenziali compagni di viaggio. C’è poi l’app di geolocalizzazione che consente di ricevere consigli utili da altri utenti connessi che hanno bisogni simili: il tutto per una migliore mobilità. Tutte le idee sono inserite nella piattaforma online della campagna europea “The World Vs.MS”, promossa da Sanofi Genzyme. TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE Sclerosi multipla: a Genova si affrontano le sfide dei pazienti Sclerosi Multipla: con la malattia si può essere campioni Scoperto il primo gene della sclerosi multipla, aumenta il rischio del 70% Giornata della Sclerosi Multipla: le nuove terapie

Video di oggi

image beaconimage beaconimage beacon