Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.
SUCCESSIVO
Negano minuto di silenzio per Barcellona: nuotatore reagisce

I probiotici fanno bene alle persone con malattie neurodegenerative?

Quando l'intestino sta bene, anche tutto il resto del nostro organismo è in salute: con gli alimenti probiotici (scopri qui che cosa sono), possiamo migliorare il microbiota (la flora intestinale). Si tratta in genere di latti fermentati che non sono utili solo alle persone sane che vogliono prevenire alcuni disturbi (come stitichezza e stipsi) e ai pazienti con patologie intestinali ma anche ai pazienti con malattie neurodegenerative. Michela Barichella, Responsabile Medico della struttura di Dietetica e Nutrizione Clinica ICP di Milano e Presidente Brain and Malnutrition Chronic Diseases Association, nel 2011 ha condotto uno studio pilota volto a valutare il ruolo di un probiotico (LcS) in un gruppo di pazienti con malattia di Parkinson. Dai dati raccolti è emerso che l'assunzione di questo probiotico ha consentito un miglioramento del transito intestinale, diminuendo gonfiore, dolore addominale e difficoltà di evacuazione. di Chiara Caretoni TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE A chi e a cosa servono davvero i probiotici? Yogurt probiotici per iniziare bene la giornata Batteri probiotici per la salute dell’intestino (e non solo) Prevenire le allergie nel bambino? Si può, con i probiotici già in gravidanza

PLAYLIST

Video di oggi

image beaconimage beaconimage beacon