Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.
SUCCESSIVO
Barcellona, ecco la corsa del furgone sulla folla

Quando bisogna fare la gastroscopia?

La gastroscopia è una tecnica diagnostica che consente, attraverso un sondino flessibile dotato di "telecamera", di visionare le superfici interne di esofago, stomaco e duodeno (cioè la prima parte dell'intestino tenue), al fine di indagare le cause di uno o più disturbi dell'apparato digerente. Durante la procedura è possibile anche eseguire la biopsia, cioè il prelievo di campioni di tessuto da sottoporre ad analisi più approfondite. Ma quando dobbiamo sottoporci a questo esame endoscopico? E quali patologie può rivelare? Ce lo spiega Roberto Penagini (puoi chiedergli un consulto qui), Professore di Gastroenterologia all'Università degli Studi di Milano e Responsabile del Servizio di Endoscopia presso la Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico. Chiara Caretoni TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE Mal di stomaco: tutto quel che c’è da sapere su farmaci e gastroscopia Ron: «Andare in tv mi fa bruciare lo stomaco» Reflusso gastroesofageo: scoperti i veri “piromani” che incendiano l’esofago Mal di stomaco: cos’è la pirosi? Diagnosi e cura

Video di oggi

image beaconimage beaconimage beacon