Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.
SUCCESSIVO
Platinette cade dalle scale a Tale e Quale Show

Sclerosi multipla: il ruolo cruciale degli infermieri

Barbara Satelliti è un'infermiera all'Ospedale Federico II di Napoli. Prima si occupava di pediatria, poi l'incontro con alcune persone con la sclerosi multipla le ha fatto cambiare percorso professionale. Si è messa a studiare, ma la soddisfazione è stata grande: ormai è diventata un punto di riferimento nel reparto di Neurologia. Gli infermieri hanno un ruolo determinante nella cura delle persone con sclerosi multipla, tanto che ormai da anni esiste la SISM, Società Infermieri Sclerosi Multipla, che organizza corsi per la loro formazione, l'MS Nurse PROfessional, un corso europeo per il riconoscimento e la preparazione dell'infermiere nel campo di questa malattia. Qui si acquisiscono competenze peculiari per aumentare l’efficacia e la qualità del proprio lavoro. SISM fa anche parte dello IOMSN (International Organization of Multiple Sclerosis Nurses), ovvero la principale organizzazione internazionale di infermieri che operano nella sclerosi multipla. Il paziente è ovviamente al centro di questo progetto: le persone potranno trovare sempre di più operatori che conoscano in modo approfondito la SM e il modo di trattarla. L’infermiere svolge un ruolo cardine di cerniera fra medico, paziente e famiglia e contribuisce a fornire un servizio migliore in termini di qualità e assistenza nella gestione della sclerosi multipla. È infatti è in grado di affrontare, con più autonomia, i vari aspetti della malattia riuscendo a incidere sulla qualità della vita della persona con sclerosi multipla. Il dialogo, l’utilizzo di un linguaggio chiaro e comune, la presenza continua, una presa in carico globale e costante nel tempo sono compiti che l’infermiere, adeguatamente formato nella cura della sclerosi multipla, può svolgere e che lo rendono un punto di riferimento per la persona colpita dalla malattia e per i suoi familiari. Abbiamo incontrato Raffaella Satelliti durante l’evento Tech Care dalla cura al prendersi cura voluto da Sanofi Genzyme. TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE Sclerosi Multipla: a volte è senza sintomi Sclerosi multipla: ecco tutti i sintomi Sclerosi multipla: tutti gli esami da fare per la diagnosi Sclerosi multipla: ecco come vivono i pazienti

PLAYLIST

Video di oggi

image beaconimage beaconimage beacon