Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.
SUCCESSIVO
Terremoto a Ischia: l'estrazione del piccolo Pasquale

Spremuti come acini

Un servizio di Fabio Trappolini - Ricattati, impauriti e con paghe da fame. E' la situazione dei braccianti stagionali della vendemmia. Lavoratori bulgari. Caporalato, in poche parole... Stavolta però non accade al sud ma nel ricco nord ovest: siamo a Canelli, in Piemonte, nel cuore delle Langhe, dove nasce un vino pregiato esportato in tutto il mondo. Accanto alle vigne i braccianti bulgari sono accampati in condizioni insopportabili, in attesa di raccogliere uva per dieci pre al giorno a 3.5 euro l'ora. E' la denuncia del sindacato Flai-Cgil.

PLAYLIST

Video di oggi

image beaconimage beaconimage beacon