Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.
SUCCESSIVO
Ischia, i turisti in fuga dall'isola e la polemica sui biglietti

Ungheria, i migranti oltre la rete

Alla mezzanotte del 15 settembre del 2015 si chiudeva il muro metallico che l'Ungheria aveva costruito al confine con la Serbia per interrompere il flusso di migliaia di profughi e migranti che risalivano la cosiddetta rotta dei Balcani. Infinite le discussioni da allora sulla ripartizione dei rifugiati tra i Paesi dell'Unione Europea e sul programma dei respingimenti in Turchia. Un dramma quello delle persone in fuga dalle guerre, soprattutto dalla Siria, ancora in primissimo piano. Ma cosa c'è oggi di fronte a quel muro al confine ungherese? C'è un gruppo di irriducibili che aspettano di poter passare, a piccoli gruppi. Il reportage di Matteo Tacconi

PLAYLIST

Video di oggi

image beaconimage beaconimage beacon