Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.
SUCCESSIVO
Barcellona, ecco la corsa del furgone sulla folla

Violenza sulle donne: raccontarsi per riprendere in mano la propria vita

Molte donne vittime di violenza domestica sopportano in silenzio le aggressioni, gli abusi, le cattiverie e le prevaricazioni di mariti e compagni, verso i quali nutrivano sicuramente ben altre speranze. E rischiano di rimanere intrappolate in un incubo senza fine. Alcune di loro trovano la forza di dire basta, di chiudere una volta per tutte questo doloroso capitolo e di scappare dai loro aguzzini ed è proprio in quel momento che le donne non devono sentirsi sole, abbandonate e in balia degli eventi. Un mancato supporto, l'assenza di un'occupazione e il “peso” di una famiglia da mantenere, infatti, potrebbero indurle a tornare a casa dal proprio carnefice. Questo non deve accadere. Ecco perché Samsung e Telefono Rosa hanno messo insieme le forze e dato vita al progetto sociale Women Run The Show, che ha permesso a dieci donne vittime di abusi di riacquistare indipendenza economica, fiducia in se stesse e autostima. Attraverso un programma di recupero psicologico e corsi di formazione professionale, queste donne si sono messe alla prova e hanno testato le proprie capacità: c'è chi si è buttata nel marketing, chi ha imparato a cucire piccole opere d'arte, chi ha iniziato a truccare altre ragazze e chi ha trasformato la passione per la cucina in un lavoro vero e proprio. Un'iniziativa preziosa, finalizzata alla riconquista della libertà personale e coronata con la realizzazione di uno spot per Telefono Rosa, di forte impatto: le dieci vittime di violenza si sono messe in gioco davanti e dietro alla telecamera, sotto la supervisione di Maria Sole Tognazzi, raccontando il loro calvario. Dall'esperienza è nato anche un bellissimo docu-film (potete vederlo qui) con le testimonianze toccanti delle donne. Un messaggio sociale forte, per gridare al mondo che è possibile liberarsi dal proprio carnefice ma lo è ancor di più riprendere in mano la propria vita. Chiara Caretoni TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE Femminicidio: bisogna educare gli uomini No alla violenza sulle donne: una su tre ne è vittima. Anche l’ospedale può aiutare Violenza sulle donne: i videogiochi sessisti aumentano l’indifferenza fra i ragazzi I 30 segnali che si sta vivendo una relazione tossica

PLAYLIST

Video di oggi

image beaconimage beaconimage beacon