Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

A Milano il Cern dell’intelligenza artificiale

Logo Quotidiano.Net Quotidiano.Net 17/11/2021 SIMONA BALLATORE
© SE Poligrafici(wf)|ANSA-LOCAL|adc86bded282aa17233d69366fb7d700

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano - L’obiettivo è ambizioso: creare a Milano una sorta di “Cern“ interamente dedicato all’intelligenza artificiale, che sia punto di riferimento sulla mappa europea e una calamita per talenti. Se le fondamenta ci sono già - con linee di ricerca avviate e nuovi corsi nelle diverse università meneghine, anche condivisi - ora Bicocca, Bocconi, Politecnico e Statale uniscono le forze e la massa critica.

Insieme sono già diventati una delle Unit di Ellis, lo European Laboratory for Learning and Intelligent Systems, che dal 2018 riunisce i migliori scienziati e accademici europei sul tema. Quaranta ricercatori stanno lavorando fianco a fianco, fanno parte del “nucleo originario“, destinato a crescere e coordinato ogni anno da un ateneo diverso. Comincia la Statale, con il professore Nicolò Cesa-Bianchi in qualità di direttore del gruppo. Al suo fianco ci sono i professori Nicola Gatti del Politecnico, Gabriella Pasi di Bicocca e Riccardo Zecchina della Bocconi. A tenere a battesimo il “Cern“ meneghino è stato ieri il sindaco Giuseppe Sala, a Palazzo Marino."Sarà un moltiplicatore di potenzialità", ricorda il rettore del Politecnico, Ferruccio Resta, partendo dalla "marea nera dei dati": "Sono come il grezzo – spiega – non hanno alcun potere energetico quando sono estratti, vanno “raffinati“. L’intelligenza artificiale è lo strumento per trovare valore all’interno dei dati, è strategico per lo sviluppo di business, per la sicurezza, per fare mobilità, per fare cultura". Anche alla luce della "rivoluzione spaziale" in atto, "che porterà una quantità di dati e di immagini immensa". Da gestire, interpretare e “raffinare“ con cura.

Sarà il compito della nuova "unità operativa", ricorda il rettore della Bocconi Gianmario Verona, presentando il consorzio delle quattro università: "Svilupperemo dottorati industriali, con finalità di ricerca applicata. L’approccio multidisciplinare e la collaborazione tra gli atenei milanesi diventa fondamentale per lo sviluppo delle conoscenze in quest’ambito e per dare a Milano un ruolo di primo piano a livello europeo". Informatica, scienze sociali, ma anche problemi etici da affrontare: "Come università ‘generalista’ che spazia dalle aree scientifico-tecnologiche e biomediche alle aree socio-economiche, giuridiche e umanistiche, la Statale si è già trovata in condizione privilegiata ad accogliere la sfida dell’intelligenza artificiale, per definizione trasversale a tutte le discipline – ricorda Maria Pia Abbracchio, prorettore vicario con delega a Ricerca e Innovazione –. Una sfida trasversale, che deve attraversare la città, il territorio".

Via gli steccati, i quattro atenei lavoreranno insieme su quattro direttrici di ricerca: il machine learning interattivo, che studia l’interazione di un algoritmo con l’ambiente; le reti neuronali e il deep learning; la salute e la biologia computazionale, che applica l’intelligenza artificiale alla medicina; l’uso dell’intelligenza artificiale per l’analisi e l’elaborazione del linguaggio naturale. "E butteremo il cuore oltre l’ostacolo – conclude la rettrice della Bicocca, Giovanna Iannantuoni –: il tema è strategico, non è una competizione tra noi, ma a livello internazionale. E solo lavorando insieme potremo vincerla. Vale anche per altri temi strategici per l’umanità: andiamo oltre". Si guarda ai giganti - Stati Uniti e Cina in primis - si punta a risorse del Piano di ripresa e resilienza da "calare a terra".

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Quotidiano.net

image beaconimage beaconimage beacon