Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Puglia Sviluppo: "Iter di valutazione rigoroso, che non può essere influenzato da nessuno"

Logo La Repubblica La Repubblica 07/07/2020
La sede di Puglia Sviluppo © Fornito da La Repubblica La sede di Puglia Sviluppo

"Un iter di valutazione delle richieste di agevolazione estremamente rigoroso, che non può essere influenzato da nessuno": così la presidente di Puglia Sviluppo, Grazia D'Alonzo, replica all'articolo pubblicato sull'edizione di Repubblica del 7 luglio, relativo ad accertamenti che la Procura di Bari e la guardia di finanza stanno svolgendo su alcuni finanziamenti concessi da Puglia Sviluppo, nell'ambito dell'inchiesta che coinvolge, tra gli altri, l'assessore regionale all'Urbanistica, Alfonso Pisicchio.

"Le attività di istruttoria delle domande di agevolazione condotte da Puglia Sviluppo sono svolte sulla base di procedure operative estremamente dettagliate e validate nell'ambito del sistema di gestione e controllo (Si.Ge.Co)  adottato dalla Regione Puglia e approvato dall'Unione Europea. Tutte le fasi del processo istruttorio, dalla ammissione delle agevolazioni sino alle erogazioni delle stesse sono puntualmente disciplinate da rigorose ed inderogabili disposizioni regolamentari e normative. La possibilità per le imprese inattive di accedere allo strumento agevolativo Pia è prevista dall'Avviso pubblico, purché ne ricorrano determinate condizioni (nello specifico il controllo da parte di un'altra impresa attiva).

Proprio con riferimento all'impresa Nir, qualificatasi come Piccola Impresa in sede di richiesta delle agevolazioni, le attività istruttorie hanno consentito di rilevare una diversa dimensione di impresa, con un conseguente riconoscimento di agevolazioni inferiori, ridotte di circa 900.000 euro rispetto a quanto richiesto dall'impresa. Tutto ciò è tracciato negli atti (pubblici) come, del resto, ogni fase del processo istruttorio. L'Avviso pubblico prevede altresì che la valutazione del progetto venga fatta da un esperto scientifico indipendente - selezionato nell'ambito dell'albo digitale del Miur (Reprise) - che esprime un giudizio tecnico circa la portata innovativa e la validità scientifica dei progetti proposti ad agevolazione. Quindi, l'innovatività e l'interesse internazionale non sono riconducibili a giudizi espressi da Puglia Sviluppo ma riconosciuti e attestati dall'esperto indipendente incaricato. Solo a titolo informativo, si rileva che gli esperti incaricati sono scelti nella fascia più alta di competenze ed esperienze prevista dall'albo Miur. L'operato di Puglia Sviluppo, dunque, non consiste nel "caldeggiare" alcunché bensì è teso a verificare le condizioni di concedibilità delle agevolazioni attraverso un'articolata e complessa relazione istruttoria pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Puglia, seguendo un procedimento di valutazione estremamente rigoroso. Preme, infine, chiarire che la società nello svolgimento delle proprie funzioni non ha subito e non subisce influenza alcuna, che possa modificare l'iter istruttorio delle richieste di agevolazioni".


Galleria: Abbattimento dell'orso in Trentino. Il ministro Costa: "Pronti a impugnare l'ordinanza" (Rai News)

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon