Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Putin firma per annettere le quattro regioni ucraine occupate

Roma, 30 set. (askanews) - La firma in tavoli separati - da una parte il presidente russo Vladimir Putin e dall'altra i leader filorussi delle autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk, e delle regioni di Kherson e Zaporizhzhia - e poi tutti in fila ad ascoltare l'inno russo, le mani giunte in avanti, e alla fine tutti a urlare e ripetere "Rossia! Rossia!" ovvero "Russia! Russia!". Così al Cremlino si è conclusa la cerimonia per l'annessione delle quattro regioni del Sud-est e Sud ucraino parzialmente controllate dall'esercito russo, dopo un discorso del presidente della Federazione che in buona parte è stato una dura invettiva contro gli Stati Uniti e l'Occidente in generale, in parte una celebrazione del passato storico della Russia immaginata oggi di nuovo grande e unita. E in parte una minaccia: le regioni appena annesse verranno protette usando "tutti i mezzi disponibili", invitando "il regime di Kiev a cessare immediatamente le ostilità e tornare al tavolo dei negoziati". La cerimonia si è svolta nella Sala di San Giorgio del Cremlino e vi hanno partecipato i leader installati da Mosca o comunque graditi a Mosca nelle regioni ora dichiarate parte integrante della Russia: Denis Pushilin, Leonid Pasechnik, Vladimir Saldo, Evgeny Balitsky. Il presidente Putin ha firmato accordi sull'ingresso di tutte e quattro le regioni nella Federazione Russa e sulla formazione di nuovi "soggetti" della Federazione.
image beaconimage beaconimage beacon