Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Russia, agente scappa da donne inferocite contro la mobilitazione

Milano, 26 set. (askanews) - Cose mai viste in Russia. In Daghestan un poliziotto scappa dai manifestanti e soprattutto dalle manifestanti, mamme e mogli, che protestano contro la mobilitazione russa di chi viene destinato ad andare in guerra in Ucraina. Chiaro segnale che il reclutamento non è stato preso bene mentre il Cremlino deve ammettere che sono stati commessi errori durante la mobilitazione parziale e spera che vengano "corretti". "Beh, lasciali correre". Questo il consiglio del presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko al collega Putin: uno strano quadretto a parti invertite, dove è il presidente russo per la prima volta a ricevere consigli dal suo "vassallo" Lukashenko. L'argomento sono appunto i russi che fuggono dal Paese, terrorizzati dal reclutamento e la mobilitazione annunciata la scorsa settimana da Putin stesso. "Non so come ti senti al riguardo, quando è accaduto in Bielorussia non ero particolarmente preoccupato. Tanto poi tornano", ha detto Lukashenko a Putin, con evidente desiderio di condividere la sua esperienza. Davanti a un Putin dall'aria non troppo convinta.

SUCCESSIVO

SUCCESSIVO

image beaconimage beaconimage beacon