Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Arriva l'Alfa Romeo Giulia elettrica, e scenderà in pista

Logo La Repubblica La Repubblica 06/12/2019 di VINCENZO BORGOMEO
© Fornito da La Repubblica

Arriva l'Alfa Romeo Giulia elettrica. Sarà silenziosa come il vento e correrà nell'ETCR, ovvero il primo vero campionato per auto elettriche appartenenti alla categoria turismo.

La trasformazione è opera della Romeo Ferraris, da anni legate alle corse con la sua Giulietta TCR che è stata usara in ogni campionato nazionale ed internazionale a cui ha partecipato, nel TCRInternational Series e nel FIA WTCR grazie alle squadre clienti GE Force e Team Mulsanne.

Dopo l'esperienza fatta sulle piste più difficili del mondo, dagli Stati Uniti all’Australia, passando per Europa, Medio Oriente, Cina e Giappone, ora arriva una nuova sfida, legata alla nascita del campionato ETCR, avvenuta solo 13 mesi fa.

Torna in pista una leggenda Alfa, e dopo oltre 50 anni la Giulia correrà di nuovo in un campionato ufficiale, proprio come fece la Giulia Ti Super, nota anche come “Giulia Quadrifoglio”. Un legame storico importante, scelto non a caso dalla Romeo Ferraris che sottolinea però la natura strettamente privata del progetto, come avvenuto in precedenza per la Giulietta TCR ed ancora prima col FatFive, sia in versione Racing che Stradale.

Insomma l'Alfa Romeo di fatto non c'entra nulla, ma è bello vedere che qualcuno, con tanta passione, cerca di rimandare in pista una Giulia. Questo "qualcuno" fra l'altro è nel mondo delle corse e delle elaborazioni dal 1965, e non è detto che prima o poi vedremo una Giulia Romeo Ferraris elettrica stradale.

"Il mondo del turismo - spiega Michela Cerruti, Romeo Ferraris Operations Manager - per noi è sempre stato molto affascinante e non è un caso che la nostra vittoriosa storia dell’ultimo ventennio sia incentrata su questo genere di auto. Nonostante vi siano ancora tante cose da chiarire, come è normale quando una così grande idea nasce da un foglio bianco, crediamo che il mondo dell’elettrico sia ormai la svolta necessaria da seguire non solo nel mondo stradale ma anche in quello delle corse. I nostri tecnici sono già al lavoro perché rispetto ad altri marchi che hanno già abbracciato questa filosofia noi stiamo partendo un po’ più tardi, ma con i limitati mezzi che abbiamo a disposizione come costruttore privato, cercheremo di tenere alto il nostro onore, come abbiamo sempre fatto sino ad ora”.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon