Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Adescava ragazzine su Facebook per inviare video porno e coinvolgerle in giochi sessuali: arrestato

Logo La Stampa La Stampa 10/03/2018
Adescava ragazzine su Facebook per inviare video porno e coinvolgerle in giochi sessuali: arrestato © REUTERS Adescava ragazzine su Facebook per inviare video porno e coinvolgerle in giochi sessuali: arrestato

«Francesco Bho», ragazzo innamorato e protettivo o «Miki Lam», uomo cattivo e aggressivo. Con questi due principali profili Facebook, pieni di foto di attori famosi (da Robert De Niro a Andy Garcia) adescava ragazzine dai 10 ai 15 anni sui social: le agganciava fingendosi un coetaneo. Le adulava e chiedeva loro di fidanzarsi o comunque di avere una relazione sentimentale. Alla fine, il suo unico scopo era quello di inviare video porno autoprodotti e coinvolgerle in giochi erotici e sessuali. In un caso è stata anche accertata la violenza sessuale ai danni di una quattordicenne.

Con l’accusa di adescamento e abuso sessuale su ragazze minorenni, Michele Lambresa, quarantunenne di Modugno, in provincia di Bari, già condannato per reati analoghi a 8 anni e 8 mesi su una decina di minori, è stato incastrato dalla Polizia Postale di Bari e arrestato.

L’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal Gip del Tribunale di Bari Annachiara Mastrorilli su richiesta del Sostituto procuratore della Repubblica Simona Filoni. Michele Lambresa è accusato dei reati di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico, adescamento, corruzione di minori e violenza sessuale.

Al setaccio 180mila messaggi tra sms, chat Whatsapp e conversazioni su Messenger che hanno permesso agli investigatori di rintracciare le quindici ragazzine coinvolte, grazie alle conversazioni trovate nel pc e nel telefonino dell’uomo.

Le minorenni adescate con falsi nick name sono state ascoltate in modalità protetta: tutte hanno confermato quanto era emerso dalle conversazioni virtuali.

In un caso è stata accertata anche una violenza sessuale in danno di una ragazza poco più che quattordicenne.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Stampa

image beaconimage beaconimage beacon