Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Calabria, assolto dalle accuse di corruzione e abuso l'ex governatore Mario Oliverio

Logo La Repubblica La Repubblica 04/01/2021 di Alessia Candito
Mario Oliverio © Fornito da La Repubblica Mario Oliverio

Assolto dall'accusa di corruzione e abuso d'ufficio perché "il fatto non sussiste". Per l'ex governatore dem della Calabria Mario Oliverio finisce il processo "Lande desolate", che ha scoperchiato anomalie e forzature in una serie di appalti e lavori negli anni scorsi realizzati fra Cosenza, Lorica e Scalea e finiti in mano a ditte vicine ai clan.

Al termine del giudizio con rito abbreviato, celebrato subito dopo l'udienza preliminare fissata per tutti gli indagati dell'inchiesta, il giudice ha disposto l'assoluzione per Oliverio "perché il fatto non sussiste". Prosciolti dall'accusa anche la deputata Pd Enza Bruno Bossio e il marito, l'ex consigliere regionale Nicola Adamo, che in caso di rinvio a giudizio avrebbero optato per il rito ordinario. 

Per i magistrati della procura di Catanzaro, che per l'ex governatore avevano chiesto una condanna a 4 anni e 8 mesi, in quel clima inquinato l'allora governatore, insieme ad Adamo e Bruno Bossio, avrebbe cercato di sgambettare il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto. In cambio di un maxi-finanziamento per opere non necessarie, Oliverio - questa era la contestazione della procura - aveva chiesto e ottenuto dalla ditta incaricata della realizzazione di pazza Bilotti, opera simbolo dell'amministrazione Occhiuto, un rallentamento dei lavori.  

"Accuse infamanti" le aveva definite subito Oliverio l'allora presidente di Regione Calabria, destinatario di un provvedimento di obbligo di dimora emesso dal giudice e per questo "esiliato" per mesi nella sua San Giovanni in Fiore. "La mia vita e il mio impegno politico e istituzionale sono stati sempre improntati al massimo di trasparenza, di concreta lotta alla criminalità, di onestà e rispettosa gestione della cosa pubblica" aveva rivendicato annunciando uno sciopero della fame, poi passato in cavalleria.  A "liberarlo" la sentenza con cui la Cassazione ha bocciato quella decisione, in precedenza confermata dal tribunale del Riesame, senza però riuscire a invertire la parabola discendente del politico. 

L'inchiesta "Lande desolate" è diventata infatti la goccia che ha fatto definitivamente traboccare il vaso delle tensioni fra il governatore dem, poco apprezzato in ambienti romani anche a causa del crollo di consensi negli ultimi anni di mandato, e i vertici del Pd, in quei mesi impegnati a definire gli assetti in vista delle imminenti regionali. Ad una sua ricandidatura, da Roma è arrivato un secco "no" e né dichiarazioni al vetriolo, né proteste - arrivate fin sotto il Nazareno con un sit-in di fedelissimi dell'allora governatore- hanno convinto il Pd a tornare sui propri passi. 

A distanza di un anno e ad assoluzione incassata, Oliverio è soddisfatto - sottolinea uno dei suoi legali, Enzo Belvedere - "anche se gli è rimasta l'amarezza di aver subito quest'onta durante il suo incarico di governatore. L'amarezza non si cancella così facilmente, sapendo di essere una persona perbene. Per oltre 40 anni ha fatto politica senza avere mai avuto alcun problema con nessuna Procura, si è ritrovato ad avere una misura cautelare e non essere ricandidato solo per questo problema giudiziario". 

In realtà, fra Oliverio e i vertici del partito romano il problema è sempre stato più politico che giudiziario. Ed anche sul fronte processuale i grattacapi dell'ex governatore non sono certo finiti. Al momento, è stato infatti rinviato a giudizio per peculato per un maxi-finanziamento da 95mila in teoria destinato ad "attività di promozione turistica", in realtà servito per una "personale promozione politica" al festival di Spoleto, per abuso d'ufficio in un altro procedimento in cui gli si contesta l'arbitraria rimozione del presidente del cda di Fincalabra, ente in-house della Regione, e per gli appalti aggiustati individuati dall'inchiesta Passpartout. Un processo che sul banco degli imputati vede anche Nicola Adamo, di recente rinviato a giudizio per traffico di influenze anche nell'ambito del maxiprocedimento Rinascita Scott.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon